info

cancel

directions_boatNautica. Impostata la chiglia del nuovo Baglietto 52M Tline

La motorizzazione è di tipo ibrido

Fincantieri

Il primo esemplare della nuova generazione di Baglietto TLine ha cominciato la sua avventura. Pochi giorni prima di Natale presso il Cantiere di La Spezia è stata infatti impostata la chiglia del primo Baglietto 52m TLine, scafo numero 10.238 del brand che può vantare una tradizione di 160 anni. Lungo 52 metri per un baglio di 9,50 metri, il nuovo Baglietto 52m TLine porta la firma dello yacht designer fiorentino Francesco Paszkowski. Potrà accogliere 12 ospiti e un equipaggio di 9 persone. La motorizzazione è di tipo ibrido con due MTU 16V2000M86 da 2216 CV e due motori elettrici da 150 kW. La velocità massima prevista è di 17 nodi con una di crociera di 11 nodi e un’autonomia di 4400 miglia. La nuova Baglietto, l'azienda leader nella produzione di yacht di lusso che entro fine 2020 si fonderà con Ccn, altro brand nautico della famiglia Gavio, è nata non molte settimane fa. 

I piani di sviluppo sono ambizioni e sono pronto a dare un contributo per la crescita di un marchio iconico". Tre le nuove linee proposte. A quella più tradizionale TLine, si affiancano due più performanti Fast e SuperFast. La linea dislocante TLine vede due modelli da 52 a 65 metri, in acciaio e alluminio, con una prima unità da 52 già venduta e in consegna nel 2023. A novembre, invece, si è parlato molto della costruzione del secondo modello della linea DOM firmata Stefano Vafiadis, il primo di 40 metri. L’idea di una “casa lontano da casa” è alla base di questa serie di cruiser in alluminio di medie dimensioni, modellati sulle esigenze e sugli stili di vita di un armatore contemporaneo. La linea comprende 2 modelli: DOM 123 e DOM 133. Il primo DOM 123, il MY RUN AWAY (37M) è stato varato quest’estate ed è in corso la consegna al suo armatore.