info

directions_boatCantieri Mimì, il gozzo 3.0

Il cantiere di Napoli realizza barche sotto la guida della famiglia Senese da oltre 40 anni

Fincantieri

Si chiama Mimì, diminutivo di Domenico. È il cantiere di Napoli che da 45 anni realizza imbarcazioni sotto la guida della famiglia Senese, specializzato nella produzione di gozzi rivisitati in chiave 3.0. La storia del cantiere ha inizio a Napoli nel 1975 quando Salvatore Senese, fondatore dell’azienda e ancora oggi presente in cantiere, realizza le prime due barche: un gozzo e una lancia in vetroresina di 4,6 metri. Oggi, a Napoli, Cantiere Mimì realizza imbarcazioni dai 5 ai 13,5 metri: da alcuni anni collabora con lo Studio di Valerio Rivellini, ingegnere navale specializzato in yacht design.

All'ultimo Salone nautico di Genova, di cui è assiduo frequentatore, è arrivato direttamente via mare con tre novità presentate in anteprima: Libeccio 11 Walkaround e Libeccio 9.5 Walkaround, caratterizzati dal perfetto connubio tra sportività ed eleganza, e 8.5 Classic, raffinato omaggio ai gozzi sorrentini degli anni ’60 che racchiude al contempo tutti i vantaggi della tecnologia moderna.

Grazie al know how consolidato il cantiere partenopeo produce gozzi dallo stile tradizionale ma realizzati secondo le più moderne tecnologie e con l’impiego di materiali innovativi: i gozzi Mimì, tanto per fare un esempio, vengono disegnati e progettati in 3D, con un design funzionale alle esigenze dei diportisti più esperti. La tradizione del Cantiere viene tramandata alle nuove generazioni: Domenico Senese, figlio del fondatore, terza generazione in cantiere, si dedica al perfezionamento dei prodotti, sempre alla ricerca del perfetto equilibrio tra innovazione e tradizione. Grazie a queste caratteristiche, sotto la sua guida, il marchio acquista sempre maggiore credibilità e si espande in tutta Europa e in diversi Paesi dell’Asia.

La media di produzione supera i 100 pezzi l'anno, per un fatturato da 4 milioni di euro, che potrebbe subire un'impennata proprio quest'anno, viste le mutate esigenze del mercato. Quest'anno ha firmato un accordo con Cantiere Nautico Piccaluga per distribuire sul Lago Maggiore i suoi gozzi, di cui è già stata venduta una prima unità, un Libeccio 8.5 Cabin.