Press
Agency

Stellantis-Mimit (2). Fim-Cisl: "a Melfi confermati cinque modelli full electric"

"Resta incognita su capacità di saturazione impianti ed indotto"

Si è tenuto questa mattina a Roma presso il Mimit (ministero Imprese e Made in Italy), il primo incontro alla presenza del ministro Urso, del tavolo Stellantis con focus sul sito di Melfi. Presenti oltre alle organizzazioni sindacali nazionali e territoriali, Davide Mele responsabile Corporate Affair per il Gruppo Stellantis, Gianmarco Giorda di Anfia, il presidente della Regione Basilicata ed il sindaco di Melfi. 

Il ministro ha sottolineato che l’assenza di Stellantis, nella prima parte del tavolo odierno è legato alla policy aziendale che li vincola a non partecipare ad incontri con candidati alle elezioni. 

Urso ha evidenziato come quello di Melfi sia il primo tavolo che dobbiamo affrontare, soprattutto a quello che il ministro chiama modello Melfi, che rispetto agli altri siti ha un indotto strettamente legato al sito lucano che sta soffrendo una forte crisi legata in parte al modello industriale di Stellantis che predilige per la componentistica i produttori interni a cui si somma la transizione all’elettrico.

Il capo segreteria tecnica del ministro, Calabrò ha poi ricordato i primi risultati del lavoro dei vari gruppi di lavoro che si sono tenuti nelle settimane scorse sul settore automotive, tavoli che hanno l’obiettivo di arrivare alla stesura di un protocollo d’intesa con il Gruppo Stellantis, dalla produzione sito per sito, mitigazione del costo dell’energia, politiche attive e passive, ricerca ed innovazione e filiera della componentistica. Sempre ministero ha ricordato come il prossimo 16 aprile sarà aperto il bando competitività per il settore. 

Anche Giammarco Giorda di Anfia, ha sottolineato le criticità e difficoltà di tutte le aziende della componentistica dell’indotto Stellentis di Melfi legate in parte alla transizione all’elettrico ma anche alle gare d’appalto molto stringenti sui costi del Gruppo. 

Per quanto riguarda invece Stellantis l’ingegner Mele ha ricordato come il Gruppo ha installato a Melfi "Stella Medium" (per le produzioni dei segmenti C e D) – una piattaforma estremamente flessibile, confermando la produzione di cinque vetture multibrand full electric a Melfi. L’implementazione dei primi modelli è già in corso, il primo modello sarà legato al brand Ds e tutti e cinque i modelli avranno una calendarizzazione che si dipanerà nei prossimi due anni, entro 2026. Come capacità produttiva iniziale –ha dichiarato Mele- pensiamo a circa 40 vetture ad ora, per un totale di 260 mila vetture all'anno che dovrebbero saturare l’impianto. Per quanto riguarda le attuali produzioni, la 500 X continuerà fino prima metà 2025, mentre la Jeep Renegade si protrarrà fino al 2026. 

Mele ha anche dichiarato come gli incentivi continueranno ad essere importanti, la Cina attualmente ha un vantaggio competitivo che oggi è di circa il 30% in meno rispetto alle vetture prodotte in Italia, sottolineando come nei tavoli tecnici siano emersi anche importanti gap competitivi, a partire dal costo dell’energia, che ci penalizza nella competitività rispetto agli altri Paesi; il costo del lavoro e gap sui costi della logistica. 

Per Fim il segretario generale Ferdinando Uliano intervenendo ha precisato come Melfi rappresenti un unicum rispetto agli altri stabilimenti italiani, in particolare per il sistema dell’indotto che ruota esclusivamente intorno al sito produttivo di Stellantis che complessivamente impiega circa novemila lavoratori tra diretti (5675) ed indiretti. Uliano ha poi ricordato come lo stabilimento di Melfi oggi produce 170 mila unità, circa la metà di quelle che si producevano sette anni fa. Le attuali tre vetture prodotte verranno sostituite con cinque modelli full electric, resta da capire il modello Opel che era stato annunciato con cosa verrà sostituito e le tempistiche. "Soprattutto abbiamo la necessità di capire se la proiezione rispetto ai volumi dei cinque modelli full electric sarà capace di saturare gli impianti o gli impatti effettivi sull’occupazione, perché per noi sarà necessario gestire e preservare l’occupazione. A questo si aggiunge anche la nostra preoccupazione rispetto alle aziende della componentistica su cui non abbiamo ancora una risposta. Per quanto riguarda gli incentivi sarà necessario avere una continuità visto che resta un delta nei costi dell’elettrico rispetto alle motorizzazioni endotermiche di oltre il 40% in più a cui vanno aggiunti sostegni ed incentivi per sostenere la riconversione industriale in particolare della componentistica".

Sarà fondamentale la definizione a termine dei vari incontri di stabilimento, di un accordo complessivo che stabilisca concretamente impegni e garanzie di tutti i soggetti presenti al tavolo a partire da Stellantis.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da Mobilità.news.

Collegate

Appello del Governo a Stellantis

Tajani: "Mi auguro che non lasci l'Italia: c'è una tradizione dell'auto che non può essere abbandonata"

Il Governo Meloni fa quadrato sull'industria automotive italiana. In questi giorni si tengono al ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit) vari tavoli di confronto con il Gruppo automobilistico... segue

Al via tavolo ministeriale su fabbrica di Mirafiori

Stellantis aveva annunciato 1560 esuberi nello stabilimento piemontese

Al via oggi al ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit), guidato da Adolfo Urso, il tavolo sullo stabilimento del Gruppo automobilistico Stellantis di Mirafiori, in Piemonte. La società aveva... segue

Al via oggi tavoli governativi con Stellantis

Su obiettivi di produzione e piano licenziamenti

Al via oggi al ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit), guidato da Adolfo Urso, i tavoli sugli stabilimenti del Gruppo automobilistico Stellantis. L'obiettivo è quello di confrontarsi sui... segue

Suggerite

Convalidato accordo su auto Euro 7

Voto favorevole all'Ecofin conferma intesa raggiunta al Parlamento europeo

Convalidato l'accordo sui nuovi standard Euro 7. Il via libera dagli Stati membri è arrivato nel corso della seduta di oggi del Consiglio dell'Unione europea, che si è riunito in a Lussemburgo nella c... segue

Usa: chiesto a Biden stop ad auto cinesi

Da parte di un legislatore democratico

Un legislatore democratico americano ha chiesto al presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, di vietare le importazioni nel Paese a stelle e strisce di auto elettriche prodotte in Cina. È l'ennesima tappa... segue

Richiesta Usa di bloccare veicoli elettrici dalla Cina

Proposta di vietare importazioni di EV cinesi per proteggere il settore auto

Il presidente del Senate Banking Committee degli Stati Uniti, in una mossa audace, ha sollecitato il pPresidente Joe Biden ad imporre un divieto sull'importazione di veicoli elettrici provenienti dalla... segue