info

directions_boatNautica. Autogas Italia supera le 3 mila conversioni bi-fuel Gpl

Fondamentale la collaborazione con Ecomotive Solutions

Fincantieri

Autogas Italia è la compagnia specializzata in sistemi innovativi per alimentare a gas i motori endotermici: proprio negli ultimi giorni è stata protagonista di un traguardo ragguardevole, vale a dire le 3 mila conversioni bi-fuel superate per quel che riguarda i motori fuoribordo Gpl delle imbarcazioni. Grazie alla collaborazione con Ecomotive Solutions, sta dedicando la propria attenzione a questo comparto, a tutto vantaggio delle emissioni finali. I motori nautici emettono le varie sostanze soprattutto in determinate zone come porti, laghi e fiumi, ma il sistema di Autogas Italia è stato pensato per risolvere il problema. La maggior parte dei motori fuoribordo bi-fuel che viaggiano con i sistemi prodotti dall’azienda modenese navigano in Paesi del Sud America, dove grazie alla collaborazione con aziende locali del settore nautico sono stati portati avanti sviluppi tecnici e conversioni su motori da 40 fino ad oltre 200 hp di potenza. Il sistema, che deriva tecnicamente dal settore automobilistico, preleva il Gpl in fase liquida dal serbatoio (o dai serbatoi, se è presente più di uno) e lo trasforma in gassoso grazie ad un riduttore di pressione modificato per uso nautico. Il gas viene iniettato cilindro per cilindro grazie a dei propulsori che sono controllati da una centralina elettronica. Come sottolineato dai tecnici dell’azienda che si occupano di ricerca e sviluppo, l’aspetto ecologico è quello principale, visto che ha una importanza primaria in tutti i motori che vengono trasformati. Uno degli impieghi maggiormente diffusi è quello degli allevamenti di pesca di dimensioni più grandi, cioè quelli in cui lo spostamento con motori alimentati a Gpl assicura il mantenimento di acque pulite ed un pescato di maggiore qualità, senza dimenticare la sicurezza alimentare.