Auto. A settembre inizierà la produzione di Microlino

La nuova versione è diversa da quella iniziale

Anas Anas

Un lungo percorso che è ormai arrivato alla sua conclusione. L’azienda svizzera Micro ha svelato la data esatta in cui debutterà una sua promettente ed integrante vettura, Microlino. La produzione dell’auto sarà avviata nel corso del prossimo mese di settembre, tanto è vero che gli esemplari già prenotati sono circa 20 mila. Una società creata ad hoc si occuperà della realizzazione di cui si sta parlando, vale a dire quella formata dalla stessa Micro e da Cecomp, compagnia automotive con sede in Piemonte. Il prototipo è una realtà da diverso tempo e l’interesse non poteva che crescere con il tempo. I prototipi saranno in totale cinque, da sfruttare per i tradizionali test che vengono condotti in situazioni del genere. Si procederà poi con l’omologazione vera e propria e poi la produzione in serie che tutti stanno attendendo. Il 2022 dovrebbe essere l’anno del boom delle vendite, con un ritmo di 3 mila auto Microlino prodotte nell’arco dei dodici mesi.

Nel 2023, poi, si punta a raddoppiare questo totale per un piano ancora più ambizioso. Il telaio sarà realizzato nello stabilimento di Moncalieri di Cecomp, in provincia di Torino, mentre l’assemblaggio avrà luogo a La Loggia (sempre nel Torinese). Ma cos’è esattamente Microlino? Si tratta di una micro-car che è stata formalmente omologata come quadriciclo pesante e che può dunque essere guidato da chi ha 16 anni ed è in possesso della patente B1. La prima versione era diversa ed è stata migliorata volta per volta, da vari punti di vista. L’intero telaio è stato riprogettato (il precedente era tubolare), e ora è composto da parti di acciaio e alluminio, e la carreggiata posteriore aumentata. Tutto questo si dovrebbe tradurre in una migliore tenuta di strada. Non rimane che attendere i prossimi sette mesi prima dell’inizio effettivo della produzione.