Gruppo Fs: cda autorizza nuovi finanziamenti

Circa 3 miliardi grazie a bond ed altri strumenti

Ferrovie dello Stato ItalianeFerrovie dello Stato Italiane

Il Consiglio di Amministrazione di FS Italiane ha deliberato l’emissione di nuovi bond e il ricorso ad altri strumenti di provvista a medio/lungo termine per un importo complessivo massimo di 2 miliardi e 900 milioni di Euro. È stato inoltre approvato l’ampliamento in corso d’anno del plafond del Programma EMTN fino a 9 miliardi di Euro, dagli attuali 7 miliardi di Euro. Le emissioni, a valere sul Programma EMTN (Euro Medium Term Note Programme) quotato presso la Borsa valori di Dublino, saranno riservate agli investitori istituzionali. I proventi raccolti sul mercato dei capitali di debito nel 2021 finanzieranno i fabbisogni per investimenti del Gruppo FS Italiane. In particolare saranno destinati all’acquisto di nuovi convogli per il trasporto passeggeri regionale e per quello a media e lunga percorrenza, anche in ambito internazionale, nonché all’infrastruttura ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità. Nell’ambito delle nuove emissioni obbligazionarie EMTN, FS Italiane prospetta anche nuovi green bond, che finanzieranno prevalentemente l’acquisto di nuovi treni regionali Pop & Rock. Lo scorso mese di dicembre fu emesso il primo titolo obbligazionario del Gruppo con rendimento negativo e cedola nulla. In quel caso, l’apprezzato profilo di credito di Fs ed il momento di mercato con i tassi ai minimi storici riuscirono a creare valore per il Gruppo azzerando l’onere finanziario sul prestito obbligazionario collocato. A novembre poi ci fu un’emissione obbligazionaria (serie 15) di 250 milioni di Euro e durata 10 anni, a valere sul Programma quotato all’Euronext Dublin. Come avviene normalmente in queste situazioni, i comunicati che fanno riferimento ai finanziamenti nuovi ed ai bond non costituiscono un’offerta di vendita o una sollecitazione all’acquisto o alla sottoscrizione di strumenti finanziari.