Volvo presenta la C40 Recharge

Entro il 2030 tutte le auto della casa svedese saranno elettriche

Entro il 2030 tutte le Volvo saranno elettriche e vendute online. Lo ha dichiarato apertamente la casa svedese presentando il nuovo suv, la C40 Recharge, illustrando la sua nuova strategia; entro il 2030, ogni auto venduta dall'azienda dovrà infatti essere elettrica e sarà disponibile esclusivamente online. Insieme a un numero crescente di altre case automobilistiche, inoltre, anche Volvo Cars ha aderito alla tendenza vegana: infatti il nuovo modello elettrico è il primo realizzato dal costruttore senza alcun inserto in pelle.

Con il nuovo programma green, Volvo ha anche presentato il secondo modello di vettura completamente elettrica: la C40 Recharge, un suv dalla linea ribassata e più elegante, la cui produzione inizierà in autunno. Secondo un comunicato stampa del costruttore automobilistico, il nuovo modello monta due motori elettrici, uno sull'asse anteriore e uno su quello posteriore, ed è alimentato da una batteria da 78 chilowattora che può essere caricata rapidamente fino all'80% in circa 40 minuti.

L'autonomia dichiarata del veicolo raggiunge i circa 420 chilometri ma probabilmente può migliorare col tempo man mano che l'auto viene aggiornata tramite connessione wireless. Proprio come il primo modello puramente elettrico dell'azienda, l'XC40 Recharge, il C40 Recharge è dotato di un sistema di infotainment sviluppato insieme a Google e basato sul sistema operativo Android.

Il suv offre ai clienti servizi e app integrati, come Google Maps, Google Assistant e Google Play Store. Nonostante la linea ribassata, la C40 Recharge offre una seduta piuttosto elevata.

Secondo il direttore tecnico della società, Henrik Green, liberarsi dei motori a combustione, compresi i modelli ibridi plug-in, costituisce un passo naturale nell'evoluzione della casa automobilistica. "La C40 Recharge rappresenta il futuro di Volvo e mostra dove stiamo andando - spiega Green - È completamente elettrica, offerta solo online con un comodo pacchetto di assistenza e sarà disponibile in rapida consegna: ottenere una nuova Volvo non è mai stato così attraente".

Poiché l'azienda sta abbandonando i motori a combustione interna, nei prossimi anni lancerà diversi nuovi veicoli elettrici a batteria. "Invece di investire in un business in contrazione, scegliamo di investire nel futuro: coniugando l'elettrico e l'online - sottolineato l'amministratore delegato di Volvo Cars, Hakan Samuelsson - Siamo completamente concentrati sul divenire un'azienda leader nel segmento elettrico premium in rapida crescita".

Volvo Cars, acquisita dalla casa automobilistica cinese Geely nel 2010, ha impiegato in media 36.278 lavoratori in tutto il mondo durante i primi sei mesi del 2020. Con sede a Goeteborg, in Svezia, i principali stabilimenti di produzione della casa automobilistica si trovano nella città svedese, a Gand, in Belgio, nello stato federato americano della Carolina del Sud, e a Chengdu e a Daqing, in Cina.