info

Transport press agency

directions_carIstat, industria in ripresa per il quarto mese consecutivo

Sale il settore dei mobili, scendono pharma e raffinerie

La situazione dell'industria italiana post lockdown viene fotografata dall'Istat. Ad agosto, per il quarto mese consecutivo, secondo l'istituto di statistica, si registra la crescita congiunturale del fatturato dell'industria (+5,9%), sia sul mercato interno che su quello estero. Nella media del trimestre giugno-agosto l'indice complessivo è crersciuto del 35,9% rispetto ai tre mesi precedenti. “L'incremento è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di industrie, a eccezione dell'energia. Anche al netto della componente di prezzo, il settore manifatturiero evidenzia una crescita congiunturale sia su base mensile che su base trimestrale”, sostiene Istat.

A confermare questa ripresina, sempre ad agosto, ecco gli indici destagionalizzati di fatturato che segnano aumenti congiunturali del 9,8% per i beni di consumo, del 7,7% per i beni intermedi e dello 0,9% per i beni strumentali: l'energia, come dicevamo, è l'unico raggruppamento a registrare una diminuzione dell'1,8%.

Per quanto concerne il manifatturiero, il settore dei mobili e delle altre industrie è quello che registra la crescita tendenziale più marcata (+16,9%), seguito dalle apparecchiature elettriche e non (+7,1%). Tra i meno performanti, invece, l'industria farmaceutica (-7,6%) e le raffinerie (-29,2%) sono quelli che mostrano i cali maggiori.

Passando agli ordinativi, la crescita tendenziale maggiore si registra nel settore dei computer e dell'elettronica (+24,2%) e nei mezzi di trasporto (+22,9%), mentre i risultati peggiori sono quelli dell'industria chimica (-4,5%) e di quella farmaceutica (-8,9%).