Škoda festeggia i 30 anni nel Gruppo Volkswagen

Una storia economica di successo a livello europeo

Ferrovie dello Stato ItalianeFerrovie dello Stato Italiane

Il 28 marzo 1991 venne siglato il contratto che sanciva l’ingresso di "Škoda automobilová akciová společnost" nel Gruppo Volkswagen. Negli ultimi 30 anni, la Casa boema è passata da essere costruttore leader nei mercati locali a player di rilevanza globale, oggi presente in oltre 100 mercati. Škoda nel 2020 ha consegnato nel mondo oltre 1 milione di automobili per il settimo anno consecutivo, grazie anche a una dinamica gamma di modelli in continua espansione.

Così Thomas Schaefer, CEO di Škoda Auto: "L’integrazione di Škoda Auto nel Gruppo Volkswagen è un mirabile esempio di successo sia per la Repubblica Ceca sia a livello di Unione Europea. Con determinazione, lungimiranza e coraggio, gli autori di questo passaggio hanno gettato le basi per l’impressionante crescita del brand a livello globale. Oggi Škoda Auto vale il 9% dell’export della Repubblica Ceca e sviluppa il 5% del prodotto interno lordo. In seno al Gruppo, Škoda gioca un ruolo strategico di primaria importanza e ha ottenuto la responsabilità, tra gli altri, dei progetti comuni per la crescita in India, Russia e Nord Africa, oltre alla direzione dello sviluppo congiunto delle prossime Škoda Superb e Volkswagen Passat. Con il nuovo programma Next Level Škoda, proseguiamo nel percorso di crescita del prossimo decennio concentrandoci su tre aspetti prioritari: espandere la nostra gamma di modelli nei segmenti di ingresso, essere presenti in nuovi mercati per un ulteriore crescita dei volumi e progredire nella diversificazione e nella sostenibilità in ogni ambito del business".

I primi contatti tra Škoda e il Gruppo Volkswagen risalgono agli anni '70, con una collaborazione informale prima del lancio di Škoda Favorit. Dopo il crollo del regime comunista nel novembre 1989, le impressioni positive di Škoda Favorit e i contatti recenti stabiliti tra Wolfsburg e Mladá Boleslav portarono ad ampi colloqui sulla possibilità di collaborazione e i negoziati guadagnarono presto slancio. La situazione era chiara: senza un forte partner strategico, Škoda non avrebbe avuto alcuna possibilità sul mercato mondiale. La capacità produttiva annua all'epoca era di appena 200.000 veicoli e la gamma modelli accostava auto ormai obsolete alle moderne Favorit e Forman wagon. Il futuro del Brand risiedeva nella privatizzazione dell'azienda, fino ad allora statale. I maggiori punti di forza della casa erano la forza lavoro qualificata e altamente motivata e la forte tradizione di produzione di veicoli nella sede di Mladá Boleslav.

Inizialmente, 24 aziende furono considerate come partner potenziali. Nell'agosto 1990, rimanevano in corsa l'alleanza Renault/Volvo e il Gruppo Volkswagen. Il 9 e 10 dicembre 1990 si tennero altri colloqui esplorativi e, infine, il 21 dicembre 1990, il Governo firmò il contratto con il Gruppo Volkswagen, che aveva proposto un progetto di sviluppo futuro più attraente per Škoda Auto.

Il 28 marzo 1991, il Ministro dell'Industria Jan Vrba, a nome della Repubblica Ceca, e Carl H. Hahn, in rappresentanza del board del Gruppo Volkswagen, firmarono l'accordo principale per la costituzione di una joint venture per la produzione di veicoli Škoda. Dopo che il Gruppo Volkswagen mantenne i suoi impegni contrattuali, il 16 aprile 1991 ricevette il 31% delle azioni di Škoda Auto per un contributo di 620 milioni di marchi. In seguito, il nuovo azionista aumentò gradualmente la sua partecipazione fino a detenere, il 30 maggio 2000, il 100% delle azioni della società.

Un ampio programma di investimenti pone le basi per uno sviluppo impressionante La base per lo sviluppo dinamico di Škoda Auto nei tre decenni successivi si è strutturata su un forte programma di investimenti. Diverse centinaia di miliardi di corone ceche sono state spese per la ricerca e lo sviluppo, l'ampliamento della capacità produttiva e lo sviluppo coerente della rete di vendita e del servizio Clienti di Škoda Auto in Repubblica Ceca. Oggi il numero di dipendenti del reparto sviluppo è passato da circa 600 nel 1991 a più di 2.000 persone altamente qualificate. Per offrire ai propri collaboratori la migliore formazione possibile e preparare il personale junior alla carriera in azienda, Škoda Auto dispone oggi di una propria scuola professionale e offre diversi corsi di studio presso l'Università di Scienze Applicate Škoda Auto.

Škoda Auto ampliò inizialmente la gamma di modelli Favorit/Forman sotto l'egida del Gruppo Volkswagen con il veicolo commerciale leggero Pick-up. Questa gamma di modelli era molto richiesta grazie all’eccellente rapporto qualità-prezzo, alla tecnologia avanzata e all'alta qualità. Nel 1994, Škoda presentò Felicia, successore di Favorit. Con questo modello, caratteristiche innovative quali ABS, airbag, aria condizionata, servosterzo e i motori del Gruppo 1.6 MPI e 1.9 D debuttarono nella gamma Škoda.

Il primo modello di Škoda Auto sviluppato interamente sotto l'egida del Gruppo Volkswagen debuttò nel settembre 1996. La prima generazione della moderna Octavia, basata sulla piattaforma A4 segnò l'inizio di un nuovo capitolo per Škoda. Octavia era prodotta in uno degli stabilimenti automobilistici più avanzati d'Europa e divenne rapidamente best-seller del Marchio. Nell'autunno 1999, la nuova compatta Škoda Fabia sostituì la gamma Felicia. Da allora, sia Octavia sia Fabia sono i modelli più richiesti della gamma Škoda: Octavia è giunta nel 2020 alla quarta generazione mentre Fabia di quarta generazione è prossima al debutto.

Nel 2001 Škoda ha aggiunto Superb alla gamma, riprendendo per la sua nuova ammiraglia uno dei nomi più importanti nella storia dell'azienda. L'attuale terza generazione è disponibile anche in versione iV con trazione plug-in hybrid. Nel settembre 2016, Škoda ha lanciato l’offensiva Suv con la première di Kodiaq, debuttando in un segmento in forte crescita. Oggi, oltre a Kodiaq, la gamma Suv comprende anche Karoq, City Suv Kamiq e il nuovo Enyaq iV 100% elettrico. Inoltre, Škoda Kushaq, sviluppato esclusivamente per il mercato indiano, ha recentemente festeggiato la sua première mondiale.

Nei 30 anni sotto l'ombrello del Gruppo Volkswagen, la forza lavoro di Škoda Auto è passata da 17.000 a circa 42.000 collaboratori in tutto il mondo oggi. L'azienda produce attualmente dieci gamme di modelli all'avanguardia e li consegna ai Clienti in oltre 100 mercati.

Lo sviluppo dinamico di Škoda Auto si riflette anche nelle consegne globali: se nel 1991 ha prodotto 172.000 veicoli, da allora il numero è sestuplicato. Nel 2020, la Casa automobilistica ha consegnato più di un milione di veicoli in tutto il mondo per il settimo anno consecutivo. Oltre ai tre siti produttivi boemi originari, l'azienda produce anche in Cina, Russia, Slovacchia e India, attraverso le affiliazioni del Gruppo, nonché in Ucraina in collaborazione con un partner locale.

Oltre alle automobili, Škoda Auto progetta e produce componenti e gruppi, come motori, pacchi batterie e cambi per il Gruppo Volkswagen. Inoltre, l'azienda ha la responsabilità generale delle attività dell'intero Gruppo Volkswagen in India nell'ambito del progetto India 2.0 e ha assunto questo ruolo anche per la Russia, compresi gli stati della CSI, e del Nord Africa a partire dal 1° gennaio 2021.

Con il programma Next Level Škoda, la Casa automobilistica sta ora compiendo i prossimi passi per condurre con successo l'azienda nel nuovo decennio, concentrandosi su tre priorità: espandere il portafoglio di modelli verso i segmenti entry-level, aprire nuovi mercati per un'ulteriore crescita nel segmento dei volumi e impegnarsi con la diversità e la sostenibilità in ogni aspetto del suo lavoro.