Volkswagen nell'occhio del ciclone per il pesce d'aprile anticipato

L'azienda non cambierà il proprio nome in America

Ferrovie dello Stato ItalianeFerrovie dello Stato Italiane

Un pesce d’aprile anticipato e, sempre per rimanere in ambito “ittico”, un mare di polemiche. Il Gruppo automobilistico tedesco Volkswagen ha chiarito i dettagli della presunta trasformazione del proprio nome per quel che riguarda il mercato elettrico americano. Nei giorni scorsi, come annunciato dalla compagnia teutonica, sembrava che il brand dovesse cambiare in “Voltswagen” per il segmento a stelle e strisce, una notizia che aveva fatto storcere fin da subito il naso. La fuga di notizie ha spinto l’azienda a precisare quanto accaduto, è stato uno scherzo con qualche ore di anticipo sulla prima giornata di aprile che è tradizionalmente dedicata a burle di questo tipo. Considerata la copertura mediatica a livello mondiale, sarà sicuramente ricordato come uno degli scherzi meglio riusciti ma al tempo stesso potrebbe avere alcuni strascichi per il marchio tedesco negli Stati Uniti. Il rebrand è stato ripreso da molte testate, alcune delle quali hanno nutrito dei dubbi in merito, però la pubblicità e la visibilità sono state garantite. Non avverrà nulla di quanto annunciato, di conseguenza la “t” al posto della “k” nel nome del marchio non sarà una modifica utile per identificare il nuovo animo “green” della compagnia di Wolfsburg. Si è parlato di strascichi e polemiche, ma cosa potrebbe succedere concretamente? È ancora presto per dirlo, però si possono fare delle supposizioni. Il pesce d’aprile è stato planetario ed in tanti hanno “abboccato”, però alcuni esperti hanno paventato il rischio di un serio danno d’immagine per Volkswagen che dovrebbe far dimenticare lo scherzo ben riuscito. Gli organi americani di stampa hanno protestato con forza ed in via ufficiale contro l’azienda tedesca, anche perché quest’ultima aveva inviato comunicati ufficiali sul cambio di nome ed aveva anche dato la propria conferma in merito, un atteggiamento che non è affatto piaciuto. Tra l’altro, la notizia ha avuto delle ripercussioni persino in Borsa, dato che il titolo del Gruppo ha registrato un breve ma significativo rialzo.