Friuli Venezia Giulia, bonus taxi e Ncc per persone con fragilità

La misura annunciata dall'amministrazione regionale

La Regione Friuli Venezia Giulia, nell'ambito delle iniziative previste per fare fronte all'emergenza pandemia e sostenere i cittadini e le famiglie in questo particolare periodo, ha stabilito l'erogazione del bonus "Trasporto in sicurezza-emergenza Covid 19" da utilizzare esclusivamente per il pagamento del servizio di trasporto a mezzo taxi e noleggio con conducente sulla rete regionale, a favore di persone in condizione di fragilità - donne in gravidanza, chi ha più di settanta anni e persone con disabilità - residenti in Friuli Venezia Giulia.

La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e territorio Graziano Pizzimenti, ha approvato il Regolamento che definisce le modalità e i criteri per la concessione ed erogazione di tale finanziamento, che ha il valore di 100 Euro a persona da utilizzare con un tetto massimo di spesa per ciascuna corsa di 10 Euro e che permetterà di soddisfare circa 3.400 domande.

L'iniziativa si prefigge di coniugare la libera circolazione delle persone con la necessità di garantire la sicurezza personale delle categorie più fragili, rispetto alle quali il rischio conseguente al contagio risulta superiore. Verranno emesse apposite carte magnetiche prepagate a fronte della presentazione della domanda da parte degli aventi diritto.

La presentazione delle domande sarà attivata nella seconda metà del mese di maggio e la data precisa, nonché le modalità, saranno comunicate tramite i canali ufficiali della Regione. Sempre di recente, lo stesso Friuli ha annunciato gli imminenti cambi dei mezzi che fanno parte del trasporto pubblico locale: nella sola provincia di Udine ben 35 mezzi saranno cambiati entro il 2021, di questi 16 saranno a metano. Infine si sta già lavorando concretamente sul passaggio all'idrogeno e sui trasporti di ultima generazione.