Civitavecchia-Olbia a Cin Tirrenia per due anni

Il 6 maggio è attesa la sentenza del tribunale fallimentare, intantola compagnia di Onorato può presentare un piano congiunto con Gnv e Grimaldi per la tratta

Il 30 aprile, con un decreto del dipartimento per i Trasporti e la navigazione - direzione generale per la vigilanza sulle Autorità di sistema portuale, il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne, il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili ha decretato l'assegnazione del servizio di trasporto marittimo nella tratta Civitavecchia-Olbia (e viceversa) alla compagnia Cin Tirrenia. A fronte del contributo economico, la compagnia effettuerà il servizio per 24 mesi rispettando gli oneri di servizio pubblico a partire dall'1 maggio 2021. Entro questo mese, però, Tirrenia insieme a Gnv e a Grimaldi, "in sede di prima attuazione e secondo regole non discriminatorie", per il periodo dall'1 ottobre 2021 sino al 31 maggio 2023, potrà presentare un piano operativo congiunto per tutti i 24 mesi della durata della gara.

La notizia viene accolta "con un certo sollievo" dal segretario generale della Filt Cgil Sardegna Arnaldo Boeddu. "Con questa decisione che viene presa a seguito della gara ad evidenza pubblica si scongiura l'isolamento del nord est dell'isola soprattutto nei mesi invernali - sottolinea Boeddu - Ma non si può dimenticare quanto previsto e puntualmente avvenuto nella gara Civitavecchia Cagliari Arbatax e viceversa andata deserta, così come l'incognita della divisione della rimorchiatori che occupa oltre 130 marittimi - precisa Boeddu - Questo comparto. infatti - prosegue Boeddu - è uno dei gioielli di famiglia che dovranno essere venduti dalla Cin Tirrenia per la ricostituzione del debito". La procura di Milano ha, infatti, chiesto il fallimento di Cin per un passivo di circa 200 milioni e debiti scaduti per circa 350-400 milioni: la decisione del Tribunale fallimentare è attesa per giovedì 6 maggio.