Uber non ha "dimenticato" la mobilità elettrica

Importante accordo con la start-up Arrival

Anas Anas

Uber non ha affatto dimenticato la mobilità elettrica. L’azienda americana che fornisce servizi di trasporto automobilistico privato tramite app vuole gestire a tutti i costi una flotta di questo tipo nella città di Londra, obiettivo da raggiungere entro i prossimi cinque anni, mentre per gli Stati Uniti ed il continente europeo si parla del 2030. Come se non bastassero questi "indizi", se n’è aggiunto un altro. Uber ha scelto di collaborare con Arrival, start-up con sede nel Regno Unito che è specializzata bella creazione di veicoli alimentati a batteria. Fino ad ora Arrival si era limitata ai veicoli commerciali ed agli autobus, mentre stavolta si punterà sulle vetture vere e proprie. Il mezzo che è stato progettato in partnership dovrebbe chiamarsi "Arrival Car", un nome temporaneo e che sembra destinato ad essere confermato.

La produzione dovrebbe partire nel terzo trimestre del 2023, dunque non oltre il mese di settembre di quell’anno. I conducenti Uber forniranno un prezioso contributo perché dovranno indicare le proprietà di guida, in particolare i comfort da privilegiare, la sicurezza e la praticità quando si utilizza il volante.

Esiste anche una prima immagine che è stata diffusa online, uno scatto dall’alto che rende bene l’idea. Il design dovrà essere caratterizzato da un minimalismo estremo. Gli interni saranno comunque estremamente spaziosi: nei prossimi mesi si conosceranno altri dettagli in merito. Già oggi i clienti Uber possono scegliere di viaggiare a bordo di un’auto elettrica senza costi aggiuntivi, con l’azienda che afferma che più di 3,5 milioni di viaggi Uber a Londra sono stati effettuati con veicoli completamente elettrici. Fondamentali in tal senso sono stati gli accordi con Nissan e Renault, senza dimenticare i programmi formativi che sono stati messi a punto nell’ambito dell’utilizzo dei veicoli elettrici. C'è ora grande attesa per la diffusione di nuove immagini e soprattutto video dell'Arrival Car.