Kawasaki Heavy, nuove cisterne per trasporto idrogeno liquido

Sviluppato un equipaggiamento nuovo di zecca

Kawasaki Heavy Industries, conglomerato industriale giapponese produttore di una vasta gamma di prodotti, ha fatto sapere in queste ultime ore di aver dato vita ad un equipaggiamento innovativo per quel che riguarda il trasporto di idrogeno liquido sulle navi cargo, ma non un semplice mezzo tra tanti. In effetti, l’azienda nipponica ha deciso di puntare con decisione sulla nave più capiente al mondo nell’ambito del trasporto delle merci, una scelta che si spiega molto facilmente. In effetti, le previsioni parlano chiaro, nel futuro più imminente ci sarà una crescita importante della domanda globale e bisogna farsi trovare preparati. Le cisterne in questione verranno sfruttare nel trasporto vero e proprio fra qualche anno, per la precisione dal 2024. Le dimensioni sono presto dette: il diametro misura 43 metri e la capacità di trasporto arriva fino a 40 mila metri cubi di idrogeno liquido. La temperatura di conservazione è pari a -253 gradi Celsius, senza dimenticare il sistema impiegato per l’isolamento ad alta efficienza. In poche parole, sono stati conseguiti dei progressi importanti in ambito tecnologico e nei prossimi anni ce ne saranno ancora altri. Il marchio Kawasaki Heavy Industries è legato soprattutto ad una serie di settori. Quando si parla di questo conglomerato giapponese, si pensa soprattutto alle linee produttive delle moto e dei veicoli fuoristrada (ATV), sebbene l'azienda costruisca anche trattori, treni, robot industriali ed attrezzature aeronautiche tra le quali velivoli militari. La cantieristica navale non è da meno, come testimoniato perfettamente da queste ultime novità. Tanto per fare un esempio, la compagnia iniziò la produzione di eliche a passo controllabile in abito marittimo nel 1956. Oggi, il colosso giapponese è uno dei principali produttori mondiali con una tecnologia sofisticata e una ricca esperienza nel campo delle eliche a passo controllabile.