Hyundai, la fine dei motori endotermici potrebbe essere vicina

Maggiore spazio nella gamma per i veicoli elettrici

Anas Anas

Un futuro senza motori endotermici? Per il Gruppo automobilistico sudcoreano Hyundai è possibile, stando a quelle che sono le ultime indiscrezioni. In particolare, sono stati esaminati con cura gli ultimi modelli che l’azienda asiatica lancerà a breve e nel corso dei prossimi anni i motori a cui siamo abituati finora potrebbero sparire progressivamente, lasciando maggiore spazio all’elettrico. Le risorse economiche dovrebbero essere quindi reindirizzate in alimentazioni pulite, con una nuova offerta che è già stata immaginata dagli esperti delle quattro ruote. Che cosa accadrà nel breve termine? Sembra che nel giro di poco tempo Hyundai taglierà di 50 punti percentuali le vetture a benzina che sono attualmente presenti nella gamma. La riduzione è importante, ma la strategia elettrica dovrà andare di pari passo. Sempre secondo i rumours più accreditati, la scelta di accantonare progressivamente i motori endotermici, sarebbe stata presa a marzo, con la dirigenza del marchio della Corea del Sud che sta cercando di delineare un futuro realistico. Un altro indizio molto interessante arriva da uno dei segmenti di Hyundai, vale a dire quello dei veicoli commerciali. Anche i camion con questo brand saranno interessati dalla stessa novità. Da qualche giorno, intatti, si sta parlando parecchio di Xcient Fuel Cell 2021, mezzo pesante che è dotato di un sistema di celle a combustibile a idrogeno da 245 CV con due pile di celle a combustibile da 90 kW ciascuna, modificate per l’impiego in un veicolo per trasporti pesanti. Per il momento ci sono 46 esemplari in fase di test che stanno circolando in Svizzera ed i chilometri percorsi sono stati 750 mila. Gli obiettivi ambientali, ambiziosi come non mai, dovranno riguardare il prossimo quinquennio, dato che le consegne nel vecchio continente avranno luogo entro il 2025.