Padova. Trasportatori Eccezionali Associati ottengono deroga da Anas

Sbloccato traffico coils da Interporto ad aziende della provincia

Risolto il problema dei camion con i coils di lamiera in arrivo via treno allo scalo merci di Padova Interporto dall’Arcelor Mittal di Taranto e diretti alle aziende meccaniche e siderurgiche della provincia, bloccati dalla mancanza di itinerari autorizzati in uscita da Padova. Con il contributo dell’associazione TEA –Trasportatori Eccezionali Associati è stata infatti autorizzata da Anas una deroga – limitata ai mezzi della ditta Fanini che caricano i coils allo scalo merci di Padova Interporto – al transito sul ponte sul Bacchiglione a Roncaglia di Ponte San Nicolò.

I camion della Fanini, che a pieno carico superano le 44 tonnellate di massa complessiva, potranno attraversare il ponte, a 5 km/h e con la presenza di una scorta tecnica che gestisca il traffico nelle due direzioni nel momento del passaggio. Si tratta di una soluzione temporanea che permette di consegnare i coils alle aziende che ne hanno bisogno, importante ancor più oggi, in un momento di ripresa economica, in attesa che i lavori sui ponti della tangenziale est di Padova che l’amministrazione del capoluogo ha già in programma, siano completati.

Anas Anas

La contemporanea indisponibilità dell’itinerario lungo la tangenziale di Padova e il divieto di transito ai mezzi oltre le 44 tonnellate di massa complessiva del Ponte sul Bacchiglione a Ponte San Nicolò avevano infatti causato una situazione paradossale: i coils arrivavano via ferrovia, ma poi non potevano praticamente uscire dallo scalo merci di Padova Interporto, causando problemi alle aziende utilizzatrici e un significativo danno economico alla ditta Fanini che svolge il trasporto sull’ultimo miglio.

"La soluzione trovata è un grande risultato – dichiara il vicepresidente vicario della Provincia di Padova e segretario nazionale di TEA (Trasportatori Eccezionali Associati) Marcello Bano. Il passaggio di oggi segna l’inizio di un’importante ripresa per il commercio di Padova, finalmente siamo riusciti a dare di nuovo fiducia alle imprese e a tutto il settore legato al mondo del trasporto eccezionale".

"Questo traguardo – continua Luca Civolani, presidente di TEA – è frutto di una stretta e proficua collaborazione tra tutti gli Enti, Provincia e Comune di Padova, Comune di Ponte San Nicolò e Anas. Oggi finalmente l’Interporto e le acciaierie hanno un itinerario certificato che permette in sicurezza di movimentare la merce siderurgica ponendo fine ad una situazione paradossale e che causava danni a imprese e trasportatori".