info

directions_boatAppello Assiterminal-Confetra al Governo: “Aiutate le crociere”

Le associazioni hanno riportato dati preoccupanti

Assiterminal (Associazione italiana terminalisti portuali) e Confetra (Confederazione generale italiana dei trasporti e della logistica) hanno inviato una lettera congiunta a Paola De Micheli, ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, per affrontare un problema di non poco conto, quello delle crociere. Ecco cosa si può leggere nella missiva: “La situazione del mercato crociere è evidente a tutti e ciò impatta drasticamente anche sulla tenuta dei terminal portuali che operano in detto ambito. Dalle nostre rilevazioni risulta che la contrazione dei traffici cruise 2020 rispetto al 2019 sarà superiore al 90%, con aumento di costi (per le poche aziende operative) dovuti alle misure di sicurezza intraprese.

Pertanto, confidiamo che il provvedimento di prossima emanazione, tenuto conto delle ulteriori misure restrittive contenute nel Dpcm del 25 ottobre (art.8), potrà certamente tenere in considerazione un settore in grave difficoltà. Mentre il mercato del cabotaggio (traghetti impiegati in traffici di linea nazionali e/o internazionali) ha visto con la stagione estiva una ripresa che ha comunque generato un calo rispetto al 2019 inferiore al 30%, il settore crocieristico non sta di fatto ripartendo e la recrudescenza della pandemia sta ulteriormente diminuendo le già poche prenotazioni: mentre il settore dei traghetti nel cosiddetto “decreto agosto” ha trovato una misura di compensazione vs il calo dei ricavi, il settore dei Terminal Passeggeri o Stazioni Marittime (presso i quali transitano i passeggeri) non è stato preso in considerazione alcuna. Di fronte a questi numeri, vi pregheremmo pertanto di voler tenere in considerazione le nostre misure a tutela di un settore particolarmente in difficoltà, stante anche l’ulteriore, costante difficoltà a trovare nelle ADSP interlocuzioni efficaci”.