Vacanze estive. Giovannini: "Gli italiani scelgono l'auto"

"Presto una campagna sulla sicurezza stradale" dichiara il ministro

L’indagine dell’Istat sulle prospettive di vacanza degli italiani nell’estate 2021, svolta in collaborazione con il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims), "consente di comprendere meglio le modalità con cui gli italiani prevedono di spostarsi durante i mesi estivi lungo la penisola e di programmare azioni per sensibilizzare la popolazione sui mezzi più sicuri e sostenibili, nonché campagne per la sicurezza stradale". Così il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini commenta i dati della rilevazione pubblicata stamane su "Istat Today".

Anas Anas

"Spostarsi lungo la penisola in auto è la propensione della stragrande maggioranza degli italiani che, secondo l’Istat, sceglieranno solo in misura marginale il treno, mezzo di gran lunga più ecologico e sicuro. Oltre ad aver migliorato, grazie a Trenitalia, la sicurezza a bordo dei treni e l’offerta estiva delle tratte ferroviarie nazionali e regionali, avvieremo una campagna di comunicazione per la guida sicura e monitoreremo con attenzione i cantieri su strade ed autostrade", aggiunge Giovannini.

"L’indagine dell’Istat descrive un Paese che sta riacquistando fiducia dopo la grave crisi causata dalla pandemia, che valuta positivamente le prospettive future e che si sente rassicurato dalla campagna vaccinale", prosegue il ministro commentando i dati in base ai quali un italiano su due ha intenzione di andare in vacanza e per la maggioranza degli intervistati l’Italia resta la meta preferita. "Un segnale importante di ripresa che si manifesterà a ritmi più sostenuti nei prossimi mesi. Le persone, le famiglie che durante i mesi estivi si sposteranno, e dall’indagine emerge che oltre l’80% lo farà con l’auto propria, dovranno essere agevolati da una viabilità scorrevole e sicura. Ci adopereremo per ridurre al minimo i disagi provocati dai cantieri su strade ed autostrade, necessari per le attività di adeguamento e di manutenzione delle infrastrutture, e per rendere scorrevoli i flussi di traffico verso le mete turistiche più frequentate".

Il ministro Giovannini ha poi ricordato che poco meno del 10% degli italiani che andranno in vacanza sceglieranno il treno "una modalità comoda, sostenibile e non inquinante, che consente spostamenti veloci ed in sicurezza anche in tempi di Covid. Mi auguro -ha concluso il ministro- che in futuro sia possibile utilizzare di più questa forma di mobilità anche per le vacanze. Gli investimenti previsti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza per il potenziamento dell’alta velocità ferroviaria e per le reti regionali, per realizzare snodi di interscambio, per collegare gli aeroporti ed i porti con il centro delle città, gli investimenti per realizzare piste ciclabili lungo percorsi turistici possano far scegliere modalità alternative di spostamento anche in vacanza, nell’ottica della sostenibilità ambientale e della valorizzazione dei beni paesaggistici che rendono l’Italia un Paese unico al mondo".