info

directions_boatSulla Manica si va a batteria. Due traghetti ibridi della P&O in servizio dal 2023

Meno emissioni tra Dover e Calais

Navi a batteria nella Manica. Non è uno scherzo e nemmeno un sogno. Sì perché l’alimentazione ibrida, con l’elettrico che affianca i motori tradizionali, è già una realtà. La Abb Marine & Ports ha scelto Xalt Energy per fornire i sistemi di batterie che alimenteranno due traghetti ibridi della compagnia di traghetti britannica P&O. I natanti dovrebbero operare regolarmente sul Canale della Manica tra Dover nel Regno Unito e Calais in Francia dal 2023. I sistemi di batterie, che forniranno ai traghetti una potenza di 8,8 megawattora per nave, affiancheranno i motori diesel di bordo. Sarà un guadagno importante per l'ambiente. Nei porti, il movimento facilitato dalle batterie consentirà ai traghetti di manovrare, attraccare e sbarcare senza emissioni. Xalt Energy, una società del Gruppo Freudenberg con sede a Weinheim, in Germania, ha parlato dell'iniziativa come "una delle più grandi installazioni di batterie al mondo nel settore marittimo". La prima nave dovrebbe essere consegnata nel dicembre 2021, la seconda nell'aprile del 2022 e le operazioni regolari sulla rotta tra Dover e Calais inizieranno nel 2023. La compagnia di traghetti del Regno Unito P&O gestisce una flotta complessiva di 20 navi che operano regolarmente anche tra Inghilterra, Scozia e Irlanda, trasportando fino a nove milioni di passeggeri all'anno. L'elettrico insomma inizia a dominare anche i mari.