Shanghai, richiamate 300 mila auto Tesla difettose

Per la Cina potrebbero provocare incidenti gravi

Il più classico dei fulmini a ciel sereno: Elon Musk deve fare i conti con un brutto colpo per quel che riguarda la sua azienda automobilista Tesla, visto che sono stati quasi 300 mila i modelli col marchio americano richiamati in Cina per un motivo ben preciso: rappresentano un pericolo per la guida. Che cosa è successo di preciso? Il mercato di riferimento in cui le vetture stanno dando problemi è quello di Shanghai, ma anche i veicoli importati non sono stati da meno. Secondo il Paese asiatico, i conducenti potranno continuare a guidare le macchine coinvolte in attesa delle riparazioni, ma “dovranno essere molto attenti al volante”. Secondo quanto denunciato dall’Autorità cinese per la regolazione del mercato, è il sistema di cruise control delle auto a presentare un difetto che potrebbe rivelarsi molto pericoloso su strada. Quando di cambia la marcia o si preme senza volerlo il pannello del cambio, il controllo della velocità si disattiva e diventa quindi difficoltoso. Questo vuol dire che l’auto accelera in modo inavvertito e gli incidenti non sono esclusi, anche quelli molto gravi. I modelli richiamati sono oltre 285 mila per la precisione, nello specifico 35.665 Model 3 importati e 249.855 Model 3 e Model Y prodotti nello stabilimento Tesla di Shanghai. I proprietari sono stati invitati, tra l’altro, ad occuparsi di persona delle riparazioni. Sarà infatti possibile installare un aggiornamento del software gratuito o recarsi presso un punto vendita fisico per farlo installare da un operatore, senza lunghi tempi di attesa senza macchina. La società di Elon Musk ha scritto su Weibo, uno dei più popolari social network della Cina, un messaggio di scuse per l’inconveniente causato ai clienti, promettendo di continuare a migliorare il prodotto allineandosi alle norme di sicurezza imposte dal Paese asiatico.