Libia, Guardia Costiera avrebbe sparato contro barcone migranti

Tripoli ha aperto un'inchiesta ufficiale

La Marina Militare della Libia ha reso noto oggi, venerdì 2 luglio 2021, che la guardia costiera della stessa Nazione africana ha sparato alcuni colpi in direzione di una imbarcazione che era piena di migranti. L’episodio è avvenuto mentre il mezzo si trovava nel Mar Mediterraneo, con un inseguimento che è culminato nelle esplosioni, apparentemente per impedire alla stessa barca di proseguire la propria rotta verso il continente europeo. La forza armata di Tripoli ha messo nero su bianco una dichiarazione ufficiale sulla vicenda. In particolare, la Marina libica ha condannato con forza ogni atto che "viola gli standard e le leggi locali ed internazionali". In aggiunta, è stato assicurato che i responsabili risponderanno personalmente di quanto commesso. Secondo il Paese maghrebino, l’imbarcazione di cui sta parlando avrebbe messo in serio pericolo la vita dei migranti proprio durante il concitato inseguimento. A denunciare tutto è stata l’organizzazione non governativa tedesca Sea Watch che ha anche pubblicato un video che mostra dall’alto come la guardia costiera della Libia sia impegnata a inseguire il barcone, un mezzo in legno e con un motore di piccole dimensioni. Sembra che a bordo ci fossero almeno due dozzine di migranti. Il fatto, tra l’altro, è accaduto in acque internazionali, più precisamente in una zona in cui le ricerche ed i soccorsi sono competenza di Malta. Più volte sarebbe anche stato sfiorato lo schianto tra le due imbarcazioni, una situazione che avrà senza dubbio delle conseguenze ed una inevitabile coda polemica. La situazione rimane quindi molto delicata, come puntualmente si verifica ogni estate, quando questi viaggi aumentano in maniera significativa e si creano spesso tensioni geopolitiche molto gravi.

Video dell'incidente nel Mar Mediterraneo


Nascondi tra 5 secondi volume_off cancel