Mantova, sequestrati dalla Guardia di Finanza 24 mila litri di gasolio utilizzati in modo indebito

In seguito a un controllo in un camion adibito alla refrigerazione alimentare, i finanzieri hanno rinvenuto 24 contenitori di plastica, da 1.000 litri ciascuno, contenenti gasolio agricolo

I militari del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Mantova hanno sequestrato 24 mila litri di gasolio e un autoarticolato utilizzati in modo indebito. Il sequestro è avvenuto in seguito a un controllo, in prossimità del centro abitato del Comune di Roverbella (Mantova), dell'autoarticolato adibito alla refrigerazione alimentare, all'interno del quale sono stati rinvenuti 24 contenitori di plastica di capacità pari a 1.000 litri ciascuno, contenenti gasolio agricolo per complessivi 24.000 litri. Il prodotto, fanno sapere i militari, veniva trasportato senza alcuna la documentazione idonea, ma solo con un Ddt (Documento di trasporto) relativo a prodotti ortofrutticoli, documento che riportava peraltro l'attestazione di avvenuta consegna della merce al destinatario.

Anas Anas

La Procura della Repubblica di Mantova ha convalidato il sequestro e l'effettuazione di ulteriori indagini finalizzate all'individuazione di altri elementi probatori. La stessa Procura ha ottenuto dal gip il sequestro preventivo del carburante e del veicolo. Dopo aver ottenuto l'esito delle analisi effettuate dal laboratorio dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Milano, dalle quali è emerso che il prodotto in questione era effettivamente classificabile come gasolio, sono stati notificati all'autotrasportatore diversi verbali di contestazione relativi a violazioni previste dall'art. 168 del Codice della strada, tra cui: trasporto di merci pericolose senza la prescritta documentazione, trasporto di gasolio con automezzo non munito di pannelli di segnalazione di colore arancione, trasporto senza idonea documentazione di accompagnamento.

I finanzieri mantovani, dopo aver effettuato il campionamento e l'identificazione dei prodotti, qualificandolo come "gasolio agricolo", hanno sequestrato i contenitori. Il trasportatore, titolare di una società di autotrasporti con sede in provincia di Verona, è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica per aver trasportato, senza la prescritta documentazione, 24.000 litri di gasolio ad uso agricolo. Anche l'autoarticolato è stato sequestrato in quanto mezzo utilizzato per commettere il reato e, in ogni caso, non idoneo al trasporto di gasolio.

I finanzieri hanno effettuato il sequestro amministrativo del mezzo, la sospensione della carta di circolazione, la sospensione della patente di guida per l'autotrasportatore e la decurtazione di 30 punti. Il trasportatore aveva caricato il prodotto da un'azienda agricola non molto distante, per utilizzarlo in un uso non consentito, risparmiando sul costo del carburante. L'accisa sul gasolio agricolo, infatti, è più bassa di quella per autotrazione (circa l'80% in meno) ma l'uso deve essere agricolo. Nei guai anche i titolari dell'azienda agricola denunciati per concorso nei suddetti reati, per aver ceduto l'imponente carico, per lo più in nero. Il gasolio sequestrato è stato consegnato al comando dei Vigili del fuoco per essere utilizzato dai dipendenti reparti per finalità di servizio (la legge permette, infatti, l’utilizzo di tale tipo di prodotto anche prima della confisca). Anche l’autoarticolato potrà essere utilizzato dai reparti dei vigili del fuoco o per finalità di protezione civile ma dopo la confisca, cioè qualora all’esito del processo venissero confermate le tesi accusatorie.