Anas avvia i lavori in provincia di Savona e riapre la strade del Turchino

Da oggi, mercoledì 7 luglio, chiusa la statale 334 del Sassello. Di nuovo transitabile a doppio senso, invece, la 456 a Campo Ligure dopo due anni di lavori per una frana

Liguria al centro dei lavori sulle strade statali. Anas, infatti, comunica di aver programmato la manutenzione delle postazioni di rilevamento dei dati di traffico sul sistema denominato Panama sulla strada statale 334 del Sassello, in provincia di Savona. Per consentire lo svolgimento dei lavori sarà istituito il senso unico alternato della circolazione regolato da semaforo dal km 4,500 al km 4,400, nel comune di Stella, dalle 7:00 di oggi, mercoledì 7 luglio, fino alle 18:00 di venerdì 9 luglio. Il sistema Panama, Piattaforma Anas per il monitoraggio e l'analisi, provvede alla verifica e all'elaborazione dei trend dell’Indice di mobilità rilevata.

Intanto, la Regione Liguria fa sapere che, sempre domani, 7 luglio, "nel tardo pomeriggio verrà eliminato il semaforo e riaprirà a doppio senso di marcia la strada statale 456 del Turchino". L'annuncia arriva direttamente dall’assessore alla Difesa del suolo e protezione civile, Giacomo Giampedrone. La strada, dall'ottobre 2019, era a senso unico alternato a causa di una frana, che aveva causato, oltre all’interruzione della strada, anche la distruzione della cappelletta di Nostra Signora della Misericordia. L’intervento di consolidamento del versante franato è stato avviato a dicembre 2020 e ha visto un investimento di circa 330 mila Euro.

"Voglio ringraziare per la fattiva ed efficace collaborazione il sindaco di Campo Ligure Giovanni Oliveri e Anas - aggiunge Giampedrone – che hanno contribuito a sanare un’altra delle ferite causate dal maltempo nella nostra regione. Abbiamo lavorato intensamente per arrivare a questo risultato: dopo la frana nell’ottobre 2019 – ricorda Giampedrone – è iniziata una lunga trafila con i privati proprietari del terreno da cui era avvenuto il crollo, ma non ci sono state interruzioni totali del traffico, garantendo comunque il diritto alla mobilità dei cittadini della zona".

Nascondi tra 5 secondi volume_off cancel