Varato il primo Otam 70HT

Lunghezza di 22,3 metri, design ispirato al mondo aeronautico e alle auto sportive di lusso, farà il suo debutto mondiale a settembre, al Cannes Yachting Festival 2021

Otam conferma ancora una volta la forte identità di costruttore di yacht caratterizzati da customizzazioni estreme ad altissime prestazioni e affidabilità, che fanno dell’artigianalità il tratto distintivo del cantiere italiano. A dimostrarlo è il nuovo Otam 70HT, appena varato, che farà il suo debutto mondiale davanti al grande pubblico al Cannes Yachting Festival 2021, dal 7 al 12 settembre. Design firmato da BG Design Firm, ingegnerizzazione e linee di carena concepite da Umberto Tagliavini Marine Design in collaborazione con Otam, il nuovo Otam 70HT è il simbolo delle performance estreme e dello stile senza tempo che ha reso il brand italiano immediatamente riconoscibile in tutto il mondo.

"Il design è fortemente ispirato al mondo aeronautico e a quello delle automobili sportive di lusso - racconta BG Design Firm - Nel progettare questo nuovo 70 piedi era essenziale rispettare l’identità del cantiere tenendo a mente le proporzioni e le line che hanno sempre distinto gli yacht Otam". Forte attenzione è stata attribuita ai dettagli e stilemi già propri del marchio, come il baricentro basso, le grandi prese d’aria in coperta ai lati del prendisole di prua, così come sull’ hard top: questo ricorda le forme di una manta enfatizzando la sensazione di movimento e aerodinamicità. La customizzazione estrema è un marchio di fabbrica ed una chiara scelta aziendale. Con una lunghezza fuoritutto di 22,30 metri, un baglio di 5,40 e 21 gradi di deadrise assicura una tenuta di mare che non teme confronti, un comfort ai massimi standard per un fast luxury cruiser con efficienza fuori dal comune.

"L’armatore stesso ha disegnato un layout custom a 3 cabine, ha scelto di non avere il garage del tender, così da massimizzare la superficie del beach club e ottimizzare il peso per ottenere le massime performance. Nessun Otam, infatti, è uguale all’altro, questa è l’unicità del cantiere che sceglie di non limitare la clientela ma gli premette di costruire la barca ideale e riflettente le loro personali esigenze e gusto estetico", spiega Matteo Belardinelli, Commercial director di Otam. Lo scafo N. 1 è equipaggiato con due motori MTU da 2.000 cavalli, accoppiati con trasmissioni Arneson ed eliche custom Otam-Rolla. Il cantiere propone inoltre la versione più potente con CAT da 2.400 hp offrendo una velocità superiore 53 nodi che uniti ed alla carena disegnata da Marine Design di Scorzoni Tagliavini e Moltedo assicurano un’efficienza difficilmente eguagliabile. Per ottenere il miglior comfort in navigazione e all’ancora, lo scafo può essere dotato di stabilizzatori giroscopici Seakeeper.