La Spezia e Firenze sempre più elettriche

Nelle flotte pubbliche aumentano i veicoli green. Nella città ligure sono stati ordinati 19 filobus Solaris, nel capoluogo Toscano entrano in funzione i Renault Trucks elettrici per lo smaltimento dei rifiuti

L'Italia si elettrifica sempre più Lo dimostrano le flotte pubbliche che si orientano con sempre maggiore velocità verso i mezzi elettrici. Due esempi su tutti: La Spezia e Firenze. A La Spezia, Solaris ha ricevuto un nuovo ordine per 19 filobus. L’Atc Esercizio, l'operatore locale della mobilità, utilizza dal 2013 otto filobus Solaris: adesso ha ordinato 14 Trollino da 12 metri e cinque da 18 metri, che saranno consegnati entro fine 2022. I filobus lunghi 12 metri e sono alimentati da un motore elettrico da 160 kW, quelli lunghi 18 metri combinano due di questi propulsori, per arrivare a 320 kW. A bordo è montata anche una batteria da 45 kWh che consente di poter percorrere brevi tratti anche senza linea aerea: le batterie si ricaricano tramite la linea aerea durante il viaggio, adottando quella che si chiama "ricarica in movimento", che tramite la presa di ricarica durante la notte, in deposito. Secondo le indicazioni di Solaris i filobus, nella versione corta, possono contenere 85 passeggeri e, in quella lunga, 140 passeggeri.

Altro esempio di elettrificazione spinta è quello di Firenze che, dopo Parigi, Lione e Barcellona, utilizzerà Renault Trucks elettrici per lo smaltimento rifiuti. Il primo a essere utilizzato per il servizio quotidiano è un D Wide ZE da 26 tonnellate, variante del camion elettrico Renault ottimizzato per la nettezza urbana. Dotato di due motori elettrici con potenza continua di 260 kW e 370 kW di picco, il D Wide ZE ha coppia di 850 Nm e un pacco batterie con capacità di 200 kWh a bordo: la trasmissione è gestita da un cambio a due velocità. Il camion, che può essere caricato con un massimo di 20 kW AC e 150 kW DC, arriva da Gorent, azienda specializzata nel noleggio di veicoli per la pulizia delle città.