Accordo Just Eat-sindacati su contratto collettivo aziendale rider

Prevista a Roma l'assunzione di mille dipendenti

Just Eat, il celebre servizio in rete di ordinazione e consegna pasti, ha concluso con diverse sigle sindacali un’intesa per la sottoscrizione del primo contratto collettivo aziendale relativo all’inquadramento dei rider, per la precisione nell’ambito della logistica, del trasporto merci e delle spedizioni. Il modello di lavoro subordinato si riferisce alla città di Roma, visto che verranno assunte più di mille persone in questa maniera, una novità importante nel comparto di cui si sta parlando. Nello specifico, le organizzazioni con cui si è confrontata Just Eat sono Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti. Cosa prevede la contrattazione? Si punta soprattutto ad investire sul territorio, creando nuovi posti di lavoro nelle principali città italiane e dando vita ad opportunità di crescita per quel che concerne il food delivery che si è così tanto sviluppato nei mesi peggiori della pandemia da coronavirus.

I mille e più rider verranno assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato: di conseguenza potranno beneficiare dei diritti sindacali previsti in situazioni del genere, oltre al trattamento economico e normativo previsto dall’accordo sindacale siglato lo scorso 29 marzo. Le previsioni per i dipendenti sono diverse. Ad esempio, avranno diritto all’applicazione delle festività, del lavoro straordinario, delle ferie, delle assenze per malattia, il congedo per la maternità e quello per la paternità. Il compenso orario, poi, non potrà essere inferiore a 9 Euro, almeno fino a quando non sarà stata raggiunta un’anzianità lavorativa di due anni complessivi. Il salario orario di partenza sarà comunque di 8,50 Euro, a cui aggiungere il premio di risultato, vale a dire 25 centesimi per ogni consegna e l’accantonamento del TFR (Trattamento di Fine Rapporto). Ai rider che già consegnano con Just Eat in città come lavoratori autonomi, viene proposto un contratto di lavoro con monte ore settimanale calcolato sulla media delle ore lavorate nel periodo precedente.