Press
Agency

Gls rinnova la propria flotta con 120 Iveco S-Way alimentati a Lng e Bio-Lng

Puntando sempre più sulla sostenibilità

Gls, uno tra i principali player di corriere espresso in Italia, rinnova la propria flotta puntando sempre più sulla sostenibilità ambientale. Grazie alla partnership con Iveco, infatti, verranno introdotti 120 nuovi Iveco S-Way alimentati a Lng e Bio-Lng.

I nuovi Iveco S-Way - che andranno a sostituire un parco veicolare diesel composto al 70% da veicoli Euro 6 e al 30% da veicoli Euro 5 – avranno un impatto ambientale positivo molto significativo: con l’impiego del metano fossile si ottiene una riduzione di CO2 pari a -7.300 tonnellate, che equivarrebbe a sostituire 745 auto diesel con auto elettriche alimentate da corrente 100% rinnovabile, oppure a piantare 146mila alberi con un’estensione paragonabile a 487 campi da calcio. Grazie al biometano questo valore aumenta in maniera esponenziale, raggiungendo una riduzione di CO2 pari a -78.000 tonnellate, ossia l'equivalente di 8mila auto in meno o 1,5 milioni di alberi piantati, che occuperebbero uno spazio di più di 5mila campi da calcio.

L’iniziativa rientra nel più ampio progetto Climate Protect di Gls che è volto a compensare il 100% delle emissioni prodotte entro il entro il 2022 attraverso programmi certificati di compensazione e ridurre in maniera significativa le emissioni entro il 2025 attraverso l’utilizzo di sistemi di trasporto eco-compatibile, quindi sia con trazioni elettriche/ibride dell’ultimo miglio che per le trazioni a lunga percorrenza.

Anas Anas

"Questo nuovo ambizioso progetto con Iveco è un tassello della nostra più ampia strategia volta a portare entro il 2022 almeno al 20% - 25% della flotta a trazione a basso impatto ambientale ed entro il 2025 al 45% - 50% - commenta Klaus Schaedle, group area managing director di Gls - Riteniamo che la tecnologia Bio-Lng possa avere un impatto rivoluzionario nel nostro settore contribuendo a ridurre le emissioni sino al 95% e per questo motivo ci stiamo muovendo con anticipo e determinazione in questo senso grazie al supporto di Iveco".

Fabrizio Buffa, Iveco Italy market alternative propulsions manager, ha dichiarato: "L’impegno della filiera Gls è una forte testimonianza del cambiamento epocale che il mondo dei trasporti sta attraversando, sempre più virtuoso e sostenibile. Siamo onorati di essere al fianco di Gls in questa direzione. Il biometano costituisce un vantaggio tanto ambientale, quanto economico, infatti può essere prodotto localmente attraverso un processo che genera sottoprodotti di valore, come la bio-CO2 riutilizzabile per l’industria alimentare e il bio-fertilizzante, impiegabile nel settore agricolo. I veicoli Iveco alimentati a biometano sono dunque la soluzione del presente per il futuro del nostro pianeta".

Simili

Domenica Maratona di Roma: prime chiusure al traffico già da domani

Deviate nove linee di bus ed altrettante sospese

Domenica è in programma la Maratona di Roma. Per l'allestimento delle strutture le prime chiusure scatteranno domani in via dei Fori Imperiali, tra largo Corrado Ricci e piazza del Colosseo, dalle... segue

Carabinieri su controlli green pass Covid-19 sui bus di linea

Carabinieri Nas contestano 21 irregolarità

La recente introduzione delle disposizioni previste dal Dl n. 111 del 6 agosto 2021 ha previsto l’estensione del possesso obbligatorio della certificazione verde covid-19 ("Green Pass") per l’accesso anc... segue

Trasporto urbano sostenibile al centro Settimana europea mobilità

Circa tremila città partecipano in tutto il continente

Circa 3.000 città di tutta Europa partecipano alla Settimana europea della mobilità di quest'anno che, iniziata ieri, durerà fino a mercoledì 22 settembre. La campagna 2021, il cui tema è "Sicuri ed i... segue