Press
Agency

Green pass, Fiap: "Si rischiano gli scaffali vuoti"

Autisti stranieri sprovvisti di certificato, possibile blocco delle industrie

La Fiap, Federazione italiana autotrasportatori professionali, lancia l'allarme. "Il problema del green pass avrà di certo un impatto sulle imprese di trasporto e logistica, creando gravi danni economici": dal 15 ottobre prossimo rischio scaffali vuoti, crisi dei carburanti e blocco delle industrie.

L'autotrasporto, che nel nostro Paese muove circa il 90% della merce, impiega per la maggior parte autisti stranieri. "Molti di questi sono sprovvisti di green pass. Non necessariamente per una scelta personale di non vaccinarsi, ma perché non tutti i Paesi esteri hanno adottato lo stesso provvedimento o atteggiamento rispetto a tale soluzione, oppure perché la vaccinazione effettuata nel Paese di origine non è riconosciuta". Il messaggio è chiaro: il settore, già gravato dalla mancanza di 20/30 mila autisti, rischia di subire un tracollo.

Anas Anas

Dai diversi dati raccolti da produttori e committenti, si stimano inefficienze e riduzioni di consegne sino al 50%. "Potrebbero venire a mancare prodotti di consumo essenziali", dicono i numeri. Una situazione simile a quella della Germania, segnalata dall'economista Wohlrabe, o a quella del Regno Unito, dove autisti e carburante stanno rendendo la vita difficile al governo di Boris Johnson. "Gli effetti negativi di questa situazione ricadranno soprattutto sulla collettività e sulle industrie, con importanti ripercussioni sull’intera economia, già messa a dura prova dalla pandemia", segnala ancora la Federazione.

Alessandro Peron, segretario generale della Fiap, auspica in un'unica soluzione. "Una presa di coscienza della reale portata del problema", con il governo che possa accogliere "la nostra richiesta di esonerare dal controllo del green pass gli operatori dell’autotrasporto impiegati nelle attività di carico e scarico. Le imprese di autotrasporto rischiano importanti dissesti finanziari a causa dei maggiori costi organizzativi e della sospensione costretta dei servizi per mancanza di manodopera": Una situazione che rischia di bloccare l'intero Paese, secondo Peron. Venerdì 15 ottobre è prossimo, ma dalle Istituzioni ancora non è stata rilasciata nessuna dichiarazione.

Collegate

Trasporti. In Germania previsti ritardi ed aumento prezzi

Wohlrabe: "Ingranaggi della logistica globale si sono inceppati"

Gli strascichi della crisi degli autotrasporti si fa sentire anche in Germania, dove commercianti e consumatori stanno riscontrando numerosi problemi nelle consegne. Come già visto in Inghilterra, dove l... segue

Suggerite

Ania, premio medio rca in diminuzione

Da settembre 2020 a settembre 2021 la polizza è passata da 326 a 319 Euro

Diminuisce il premio medio rc auto. Secondo i dati Ania, tra settembre 2020 e settembre 2021, la polizza è passata da 326 a 319 Euro, in calo del 2,1%, anche se con un tasso inferiore rispetto ai mesi... segue

Nuova velostazione a Garbagnate Milanese

68 i posti disponibili nella struttura

La velostazione di Garbagnate Milanese è stata riaperta al pubblico a seguito di alcuni lavori di ammodernamento della struttura. Realizzata da Ferrovienord, questa è accessibile grazie le tessere di t... segue

Como, studenti e docenti in ritardo per via dei servizi ferroviari

Le opinioni dei dirigenti di alcuni istituti

I disservizi causati dai ritardi dei treni si riversano sugli studenti. Questo è quello che succede a Como, dove le difficoltà per chi si affida a questo mezzo di trasporto sono all'ordine del giorno. S... segue