info

Transport press agency

directions_carSempre più vicina la prima autostrada per camion a guida autonoma

I mezzi potranno transitare lungo un corridoio di circa 2 mila km

Poco meno di 2 mila chilometri: è questa la distanza complessiva di un corridoio autostradale per i camion a guida autonoma che sta per essere inaugurato negli Stati Uniti. L’iniziativa è stata resa pubblica dall’azienda “TuSimple” che è specializzata proprio in questo tipo di trasporti e che ha seriamente intenzione di creare la prima rete mondiale in cui la presenza umana è ininfluente. Il tratto autostradale collegherà le città di Phoenix e Houston e servirà a velocizzare e rendere più efficiente lo spostamento dei carichi più diversi. Il progetto è già caratterizzato da una flotta piuttosto “nutrita”: si sta parlando infatti di 40 semi-rimorchi a guida autonoma in cui troveranno spazio anche i conducenti in “carne e ossa” per motivi di sicurezza. 

Il software sviluppato da “TuSimple” è piuttosto sofisticato e consente di monitorare, minuto dopo minuto, le prestazioni stradali e le mappe digitali. Per il momento i fondi a disposizione ammontano a 300 milioni di dollari, ma ne serviranno altri ancora. La startup ha conquistato la leadership settoriale e i suoi mezzi sono già stati capaci di trasportare carichi per un valore commerciale complessivo superiore ai 36 mila Euro; tra l’altro possono essere impiegati senza problemi in alcune strade locali. Il funzionamento è semplice: otto telecamere e una serie di sensori consentono ai camion a guida autonoma di avere sotto controllo qualsiasi autovettura, pedone oppure qualsiasi altro ostacolo nel giro di un chilometro. La precisione del posizionamento, poi, ha un margine di circa 3 centimetri, persino di notte e in presenza di condizioni meteorologiche avverse.