Press
Agency

Mobilità.news intervista Matteo Castiglioni e Franco Righetti

Rispettivamente dirigente Anas e curatore della ricerca sulla sicurezza stradale

L’Azienda nazionale autonoma delle strade (Anas) punta sempre più sulla sicurezza stradale. L’obiettivo è quello di dimezzare le vittime degli incidenti entro il 2030. La strategia per arrivare a questo risultato, condiviso con l’Unione Europea, si basa su tre linee di azione: la prima è quella di investire denaro sulla sicurezza delle strade; la seconda è la chiave tecnologica; la terza è la sensibilizzazione dell’utenza. Basti pensare che oltre il 90% degli incidenti è dovuto a comportamenti scorretti alla guida.

Di questi temi si è parlato ieri a Roma in occasione del convegno "Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime". Iniziativa che si tiene nell’ambito della Giornata mondiale del ricordo delle vittime della strada che si celebra ogni 21 novembre. Durante l’incontro sono stati illustrati i risultati dello studio "Osservatorio stili di guida" commissionato da Anas. Una ricerca finalizzata a conoscere, comprendere e prevenire i comportamenti scorretti alla guida.

Anas Anas

L'agenzia stampa Mobilità ha intervistato Matteo Castiglioni, direttore operation e coordinamento territoriale di Anas. Il dirigente ha parlato dell’impegno dell’azienda nel sensibilizzare gli utenti sul tema della sicurezza stradale e di investimenti in ricerca, sviluppo e nuove tecnologie, descrivendo quelle che saranno le strade del futuro.

Riguardo l’indagine scientifica, realizzata dall’Unità di ricerca in psicologia del traffico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano insieme allo studio Righetti e Monte, ai microfoni di Mobilità.news l’ingegnere Franco Righetti ha illustrato le evidenze emerse nella ricerca e i trend che hanno stupito maggiormente. I dati saranno utili per avviare campagne di sensibilizzazione mirate, per promuovere le buone pratiche alla guida, specialmente tra i più giovani.

Foto

Collegate

Il convegno di Anas "Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime"

In Italia il parco auto più vecchio d'Europa aumenta il rischio incidenti

Al via questa mattina il convegno “Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime” organizzato dall’Azienda nazionale autonoma delle strade (Anas) insieme alla sezione italiana del Permanent International Assoc... segue

Suggerite

Il settore auto in Spagna guida il rallentamento dell'economia

Più di 100.000 auto devono ancora essere consegnate ai loro acquirenti

La crisi della domanda di beni e servizi in Spagna determinerà un rallentamento dell'economia pari a 1,2 punti. Ed è proprio il settore automobilistico a guidare il trend. Basti pensare che più di... segue

Aci: torna in positivo a novembre il mercato dell’auto usata

Ma le radiazioni delle quattro ruote calano del 22%

Torna in terreno positivo a novembre il mercato dell’usato. I passaggi di proprietà delle autovetture al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al... segue

La strategia cinese sull'auto elettrica punta sull’Europa

l 60% dei veicoli nel mondo assemblati in Cina, che detiene il 45% di brand

Sono circa 3 milioni i veicoli elettrici venduti nel nel 2021 in tutto il mondo. Si tratta di una buona notizia in fatto di sostenibilità ambientale, nella delicata transizione industriale dal motore... segue