Press
Agency

CC ed Enel: sottoscritto protocollo con forte valenza ambientale

L'Arma e la società più vicini per la tutela del Paese

L’Arma dei Carabinieri ed Enel ancora più vicine per la prevenzione ed il contrasto all’illegalità, la tutela dell’ambiente e del territorio. Un impegno ambizioso sottoscritto ieri dal comandante generale dell'Arma dei Carabinieri Teo Luzi e dal presidente di Enel Italia SpA Carlo Tamburi, focalizzato sulla protezione dell’ambiente e delle risorse naturali, la lotta ai cambiamenti climatici ed il contributo per uno sviluppo economico sostenibile. Particolare attenzione sarà dedicata alla tutela alla sicurezza e continuità operativa delle reti e delle infrastrutture elettriche, alla protezione del personale preposto alla loro gestione e al patrimonio aziendale.

L’intesa punta alla valorizzazione della presenza capillare dell’Arma e dell’Enel in tutta Italia come punto di partenza per azioni congiunte. I CC e l'azienda di energia sono infatti presenti in ogni angolo del Paese, spesso in aree a forte valenza ambientale. Il nuovo modello di sicurezza partecipata, che insieme intendono perseguire, permetterà di affrontare congiuntamente le complesse problematiche connesse alla salvaguardia del territorio.

L’Arma coinvolgerà i Reparti delle Organizzazioni speciale e forestale, con particolare riferimento ai Comandi Carabinieri per tutela ambientale e la transizione ecologica, nonché per la tutela della biodiversità e dei parchi. Enel, attraverso le proprie articolazioni territoriali, garantirà un tempestivo scambio informativo sulle situazioni di interesse per i Carabinieri, segnalando altresì eventuali criticità ambientali, con particolare attenzione alla prevenzione degli incendi boschivi.

Il protocollo prevede inoltre progetti di efficientamento energetico delle strutture di proprietà dell’Arma sul territorio nazionale e per lo sviluppo della mobilità sostenibile.

Foto

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue

Azienda Landi Renzo punta sull'idrogeno per auto

Il produttore di impianti a gas ha comprato la società Idro Meccanica

La società che controlla l'azienda Landi Renzo, specializzata nella produzione di impianti a gas per auto a gpl e metano, ha siglato in questi giorni un accordo per l’acquisizione del 90% dell'impresa Id... segue