Press
Agency

Rhenus Group: entro il 2030 zero emissioni per le spedizioni

L'abbattimento dell'impatto ambientale è parte della strategia di transizione verso una logistica sostenibile

Rhenus Group, tra i leader nella fornitura di servizi logistici a livello mondiale, azzererà le emissioni di carbonio di tutte le spedizioni Less than container load (Lcl) entro il 2030. A partire dal 2022, i carichi consolidati spediti dal gateway sito a Hilden (Germania), saranno dunque carbon neutral. Una misura che non comporta costi aggiuntivi per i clienti dell’azienda e che riguarderà progressivamente tutti i gateway del Gruppo a livello globale.

In linea con la propria posizione sul mercato, Rhenus Group si impegna a individuare le best practice per rendere sempre più sostenibili le proprie attività e contribuire così a ridurre l’impatto ambientale dell’intero settore, per garantire un futuro migliore per clienti e partner.

"In Rhenus Group non siamo solo impegnati per migliorare ed ampliare costantemente i servizi offerti ai nostri clienti, ma vogliamo anche avere un ruolo di primo piano sul fronte ambientale, investendo ad esempio in progetti sostenibili", ha detto Jan Harnisch, global chief operating officer di Rhenus Air & Ocean.

Anas Anas

La sostenibilità è infatti il caposaldo di tutte le operazioni di Rhenus Group e l’abbattimento delle emissioni per le spedizioni Lcl segna una nuova pietra miliare nelle strategie di lungo periodo sul fronte ambientale. Un percorso che ha visto un momento cruciale già nel 2019, quando Rhenus Group ha lanciato Rhegreen, il primo programma al mondo per la riduzione di CO2 nel trasporto aereo.

Dal 2015, Rhenus Group ha inoltre iniziato una collaborazione con Ecovadis, agenzia indipendente che valuta le attività legate alla responsabilità sociale delle imprese secondo standard internazionali, sottoponendosi annualmente ad una valutazione volta a migliorare le pratiche ambientali e sociali al proprio interno. Gli sforzi intrapresi per una logistica dal basso impatto ambientale includono un progetto per la piantumazione di alberi in India in cui Rhenus Group è impegnato da circa 7 anni, magazzini eco-friendly che utilizzano energia proveniente da fonti rinnovabili e illuminazione a Led.

L’attenzione all’ambiente è testimoniata anche dall’utilizzo della mobilità elettrica e di imballaggi riciclabili in Asia, Europa e Nord America oltre all'implementazione del sistema di gestione dell'energia nelle sedi in Germania e nei Paesi Bassi e all’iniziativa Rhenus Group Corporate Forest a supporto di ulteriori progetti agroforestali. Rhenus Group continua inoltre a puntare verso nuovi orizzonti ecosostenibili e verso nuove tecnologie, grazie anche alla collaborazione con istituti di ricerca, partner e clienti, al fine di rendere più green la supply chain globale.

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

La rumba delle nomine risuona in Campidoglio

Il Comune vuole allargare il cda di Atac. In ballo anche il ruolo di dg di Ama

L'ultima idea, secondo tanti l'ultima "trovata" del Comune di Roma, è allargare il consiglio di amministrazione di Atac. Non tre ma cinque rappresentanti. In realtà non si tratta di una notizia d... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue