info

directions_boatIl vaccino anticovid fa bene ai titoli pharma e trascina anche i trasporti

A Wall Street nel premercato il titolo Moderna svettava a +14%. Salgono anche le compagnie aeree e di navigazione

L'Italia si fa notare a Wall Street. Nel premercato, i future hanno registrato forti rialzi, dopo la notizia che il vaccino sperimentale contro il coronavirus di Moderna (+14%) ha dimostrato un'efficacia nel prevenire il contagio nel 94,5% dei volontari ammessi alla fase 3 dei test. L'entusiasmo del pre apertura ha sconfinato anche dopo le 15.30 ora italiana quando, al suono della campana, l'indice Dow Jones è schizzato rimanendo per parecchio sopra l'1% trainandosi dietro il Nasdaq meno entusiasta ma ugualmente positivo a +0,5%. Negli Stati Uniti, così come nelle altre Borse Il Cac40 di Parigi staziona su +1,5%il Dax tedesco veleggia intorno all'1%), prosegue dunque il successo (e l'aspettativa) verso i titoli pharma: Lunedì scorso erano state Pfizer (-1,7%) e BioNTech (-7%) ad annunciare un'efficacia nel 90% dei casi del loro vaccino sperimentale. Le buone notizie volano e anche l'Italia non si fa sfuggire l'occasione di aprire in territorio positivo, ingranando una marcia che, nel pomeriggio, fa stazionare il Ftse Mib oltre quota 2,1%.

Gli investitori portano avanti la rotazione dei titoli in portafoglio iniziata una settimana fa e puntano sulle società più in difficoltà in questi mesi che, con un vaccino presto in circolazione, potrebbero invertire la rotta e tornare a crescere. Per esempio, nel premercato si sono registrati oggi decisi rialzi per le compagnie aeree e di navigazione: Carnival Corp. sale dell'8,6% (dopo il +15,9% della scorsa settimana); Southwest Airlines del 6%, American Airlines del 6,5%, Delta del 6,3%, United del 10,2% (+12,4% la scorsa settimana), Norwegian Cruise dell'11,5%.

Anche Walt Disney registra un buon rialzo (+2,4%), con gli investitori che puntano sulla riapertura dei parchi di divertimento e nonostante il fatto che la compagnia di navigazione abbia annunciato oggi di posticipare di due anni, dal previsto 2022-2023 al 2024-2025, l'entrata in servizio di due nuove navi da crociera. Al contrario, soffrono i cosiddetti titoli stay-at-home, quelli che maggiormente hanno beneficiato delle restrizioni ai movimenti provocate dalla pandemia: Zoom Video e Amazon cedono rispettivamente il 5,8% e lo 0,7%; Netflix cede l'1,85%; Teladoc Health, società per la consulenza sanitaria a distanza, è in ribasso del 2,7%.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno superato gli 11 milioni di infezioni, secondo i dati della Johns Hopkins University. Secondo i dati del Covid tracking project, ci sono oltre 68.500 persone ricoverate negli Stati Uniti per il covid-19, un numero senza precedenti. I future sul Dow guadagnano 491 punti, l'1,67%; quelli sullo S&P 500 salgono di 38,85 punti, l'1,08%; quelli sul Nasdaq Composite sono in ribasso di 6,25 punti, lo 0,05%. Il petrolio Wti al Nymex guadagna il 4,31% a 41,86 dollari al barile.