info

directions_carAuto a metano: anche in Italia arriva il self-service

La piattaforma è stata realizzata da Snam

Le rivoluzioni del settore automobilistico procedono spesso per piccoli passi, come ben esemplificato dalle vetture alimentate a metano. Esistono da diverso tempo ormai, eppure soltanto in questi giorni, in Italia, ha debuttato il self-service nei distributori. In realtà questa non è una novità assoluta per gli altri Paesi europei che hanno sperimentato da tempo il rifornimento gestito al 100% dal conducente. La nostra Nazione ha rappresentato finora uno strano paradosso, vantando un altissimo numero di macchine a metano (la cifra più alta per quel che riguarda l’intero continente europeo) e nessun distributore di questo tipo. Il fai da te dedicato al gas naturale è stato messo a punto tramite un’apposita piattaforma realizzata da Snam e dai vigili del fuoco e dal nome inequivocabile, “Io vado a metano”.

Ci si deve registrare al portale e fornire le proprie credenziali che consentono poi di ricevere un codice di conferma. Il passaggio successivo è quello di un video-tutorial che spiega come effettuare il rifornimento in completa autonomia. Inoltre, questa piattaforma spiega quali sono gli impianti disponibili a seconda della zona. Ovviamente si devono rispettare norme di sicurezza ben precise: ad esempio, le bombole non possono ancora essere riempite, inoltre, come suggerisce anche il buon senso, è impossibile fumare, parlare al telefono e tenere il veicolo accesso quando si sfrutta il self-service. Il tutorial contiene persino dei consigli su quello che va fatto nell’ipotesi di un’emergenza. Gli impianti autorizzati, infine, saranno obbligati a sistemare impianti di videosorveglianza per tenere sotto controllo il comportamento di qualsiasi automobilista.