Press
Agency

Un americano su tre non pensa all'auto elettrica

La rilevazione in uno studio sulle tendenze dei consumatori americani

Uno studio pubblicato dalla società statunitense Jerry, specializzata in servizi digitali per automobilisti, rivela che quasi un terzo degli americani (su 1.250 intervistati) non prevede di acquistare un veicolo elettrico e quasi il 60% non prende in considerazione di comprarlo nei prossimi 6 anni. Questo dato mette in evidenza come sia molto difficile cambiare i modelli di spesa dei consumatori basati sul concetto di ritorno sull'investimento (Roi), che perciò hanno bisogno di risparmiare senza subire colpi troppo forti che impattano sulla loro capacitò di spesa.

"Le persone vogliono un veicolo elettrico finché non notano la differenza di costo. Le persone di solito non pensano a lungo termine. E i concessionari non hanno sempre la larghezza di vedute per sostenere l'acquisto di un veicolo elettrico rispetto a un veicolo a gas. Nel 2021 le auto a batterie erano costavano in media 11.000 dollari in più rispetto a quelle a gas di dimensioni standard. Per fare un semplice calcolo sono 300 dollari al mese per 3 anni. A breve termine, i conducenti probabilmente non troveranno un ritorno sull'investimento immediato nell'acquisto di un veicolo elettrico", spiega il Data scientist di Jerry, Lakshmi Iyengar.

Anas Anas

Lo studio non porta evidenze positive né per i governi né per le case automobilistiche. Nel primo caso perché i piani infrastrutturali annunciati a dicembre dall'amministrazione Biden puntano a raggiungere il 50% delle vendite di auto a batteria entro il 2030. Sulla stessa lunghezza ci sono l'Unione Europea e la Cina. con Pechino che disporrà importanti incentivi per orientare i consumatori.

Senza dimenticare che che molti produttori di auto hanno puntato tutto sui veicoli elettrici, forse nelle speranza di tenere il passo con le statunitensi Tesla e Rivian di fronte agli occhi degli investitori. Tra queste c'è General Motors che prevede di produrre veicoli esclusivamente elettrici entro il 2035. Lo stesso discorso vale per Volkswagen, che farà salire la produzione di veicoli a batteria al 50% entro il 2030 e punta alle emissioni zero entro il 2050. Lo studio mostra che probabilmente è necessario avere un nuovo traguardo intermedio per poter raggiugere obiettivi così ambiziosi.

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

La rumba delle nomine risuona in Campidoglio

Il Comune vuole allargare il cda di Atac. In ballo anche il ruolo di dg di Ama

L'ultima idea, secondo tanti l'ultima "trovata" del Comune di Roma, è allargare il consiglio di amministrazione di Atac. Non tre ma cinque rappresentanti. In realtà non si tratta di una notizia d... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue