Press
Agency

Italiani avari sull'hi-tech in auto

Secondo una ricerca Deloitte non spendono più di 450 Euro in sistemi di sicurezza

Va bene la nuova tecnologia applicata all'automobile basta che non sia troppo costosa. È un ritratto da avari quello dell'automobilista italiano come emerge in base al Global automotive consumer study 2022 di Deloitte, analisi condotta su 26 mila automobilisti in 25 Paesi. L'obiettivo dell'indagine era quello di esplorare il grado di attrattività dei trend hi-tech del mondo automobilistico.

Ebbene, dalla ricerca viene fuori che, nel nostro Paese, le nuove tecnologie applicate all'automotive hanno fatto breccia nel cuore degli automobilisti, certo, solo però costano poco. Gli italiani, cioè, manifestano una predisposizione sempre più alta verso l’innovazione ma non a ogni costo: il 69% degli acquirenti di auto, infatti, non è disposto a pagare più di 450 Euro per adas e sistemi intelligenti vari. E la percentuale è più alta del 7% rispetto a quella dello scorso anno.

Se gli italiani, in tema di sicurezza alla guida, appaiono dalla ricerca come i più avari del mondo, insieme ai tedeschi, lo stesso non si può dire per quanto riguarda la predisposizione verso il passaggio alla mobilità elettrica o ibrida: ben il 69% degli italiani, infatti, è disposto a scegliere un'auto con alimentazione ecologica. I valori sono in linea con quelli dell'anno scorso e l'Italia svetta davanti al Giappone (61%), alla Germania (51%) e agli Stati Uniti (31%).

Anas Anas

Gli italiani mostrano di non gradire, invece, né i mezzi pubblici né la mobilità condivisa: il 70% degli automobilisti di casa nostra, infatti, continua a pensare che l'auto deve essere di proprietà. Solo gli americani si mostrano ancora più possessivi: il 76% degli yankee, infatti, non baratterebbe mai la sua auto con la mobilità pubblica. Più propensi a condividere, invece, gli asiatici: l'auto privata è desiderata dal 60% degli automobilisti in Cina e dal 54% in Giappone.

Nessun dubbio, poi, sul fatto che l’auto è un bene che deve essere acquistato di persona e in concessionaria. Secondo l'indagine di Deloitte, l’83% degli italiani considera la concessionaria unico luogo preposto all'acquisto dell'auto. Un balzo in avanti non da poco rispetto al 78% del 2021. E non è tutto. Peggio di noi, quanto ad astio verso i canali digitali per l'acquisto dell'auto, fanno Germania (78%), Stati Uniti (74%) e Cina (72%).

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

La rumba delle nomine risuona in Campidoglio

Il Comune vuole allargare il cda di Atac. In ballo anche il ruolo di dg di Ama

L'ultima idea, secondo tanti l'ultima "trovata" del Comune di Roma, è allargare il consiglio di amministrazione di Atac. Non tre ma cinque rappresentanti. In realtà non si tratta di una notizia d... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue