Press
Agency

La Liguria vuole la capienza bus all'80%

Berrino: "il Governo deve accelerare per non mandare in crisi il trasporto pubblico"

“Il Governo deve convocare al più presto il Comitato Tecnico Scientifico per stabilire che, anche in zona arancione, il coefficiente di riempimento di autobus e treni sia come in zona gialla dell’80%, tenendo conto delle misure restrittive assunte". Lo ha ribadito l’assessore ai Trasporti di Regione Liguria Gianni Berrino nella conferenza dei presidenti, dando seguito alla segnalazione già effettuata dalla Liguria al ministro delle Infrastrutture e mobilità sostenibile Enrico Giovannini

“Tutto questo -prosegue l'assessore ai Trasporti di Regione Liguria- è stato condiviso e approvato durante la seduta dai presidenti di regione pertanto il Governo deve accelerare in tal senso per non mandare in crisi il sistema del trasporto pubblico locale”.

"Con il 50%, con le scuole in presenza e il minor utilizzo dello smart working rispetto allo scorso anno, non si è in grado di portare studenti e lavoratori a scuola e sul posto di lavoro -aggiunge Berrino-. Il Cts deve riunirsi entro questa settimana e prevedere che anche in zona arancione, stante le disposizioni normative più restrittive e più tutelanti previste per l’accesso al tpl, cioè mascherine Ffp2 e Super Green-pass, sia previsto un coefficiente di riempimento dei mezzi pubblici pari a quello della zona gialla”.

Anas Anas

L’assessore ai Trasporti di Regione Liguria chiede inoltre che venga dato seguito all’istanza già presentata dalla commissione Trasporti della Conferenza delle Regioni per garantire la copertura finanziaria dei servizi aggiuntivi dei trasporti: questo, attraverso la possibilità di utilizzo, per i servizi 2022, delle risorse residue stanziate nel 2021 e di ulteriori stanziamenti per la continuità degli stessi servizi fino al termine dell’anno scolastico.

“Queste risorse residue saranno in grado di garantire l’applicazione dei piani prefettizi definiti all’inizio dell’anno scolastico che per la Liguria prevedono circa 220 bus aggiuntivi”, conclude Berrino.

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

La rumba delle nomine risuona in Campidoglio

Il Comune vuole allargare il cda di Atac. In ballo anche il ruolo di dg di Ama

L'ultima idea, secondo tanti l'ultima "trovata" del Comune di Roma, è allargare il consiglio di amministrazione di Atac. Non tre ma cinque rappresentanti. In realtà non si tratta di una notizia d... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue