Press
Agency

Parigi invasa dai taxi londinesi

Grazie ad una start up ne circolano già 300. Presto anche in Italia?

E se arrivassero anche in Italia? La domanda è pertinente, visto che in breve tempo Parigi è stata invasa, pacificamente s'intende, dai celebri London Black Cabs, i tradizionali taxi londinesi. Da qualche tempo le auto nere, nella nuova versione elettrica, circolano per le strade della capitale francese: un fenomeno causato dalla start up Caocao Mobility Paris favorito anche dalla politica di incentivazione portata avanti dal governo francese, e se ne vedono in giro già oltre 300, .

Adesso la cosa si fa seria. Prima di tutto perché l’azienda che li produce è la London Electric Vehicle Company, società britannica che ha raccolto l’eredità del marchio Austin e produce i taxi di Londra in modo completamente elettrico. Poi perché l'impresa, che oggi è parte del Gruppo cinese Geely, ha annunciato l’accordo con il suo primo concessionario francese: Abvv Group, fondato nel 1976 da Gregoire Izikian. Sarà lui a occuparsi della commercializzazione dei mezzi e del supporto post-vendita ai clienti. Ai taxisti transalpini viene offerta tutta la gamma dei veicoli Levc: Tx Taxi, Shuttle e il van VN5.

Anas Anas

Il governo francese si è schierato a fianco dell'iniziativa mettendo in campo come dicevamo sovvenzioni e incentivi. Le cooperative di taxi o ride-hailing, cioè di servizio pubblico con auto private, che scelgono il Tx Taxi nell’area "Île de France", per esempio, hanno beneficio di una sovvenzione di 6 mila Euro destinata espressamente alle piccole e medie imprese; altri 4 mila Euro (non cumulabili) sono messi a disposizione dei titolari di licenza di taxi parigini. 

“Dal 2018 ci siamo assicurati che il Il nostro Tx fosse approvato per l'uso a Parigi -spiega Joerg Hofmann, ceo della società anglo-cinese-. Con la scelta di affidarci al Gruppo Abvv siamo certi che il numero crescerà. Inoltre avremo la possibilità di approfittare dell'ampia gamma di sovvenzioni e incentivi finanziari destinati ai veicoli elettrici anche per proporre lo Shuttle e il Vn5”. Il Vn5 può usufruire del bonus écologique stanziato dal governo francese, con dotazione di circa 6 mila Euro per gli operatori commerciali e di oltre 8.300 Euro per i privati. Il Vn5, inoltre, è qualificato anche per un altro bonus, quello di rottamazione "Prime à la conversion”: un ulteriore risparmio di 9 mila Euro massimi per chi lo acquista. Terzo vantaggio finanziario: una sovvenzione locale fino a 1.000 Euro disponibile per quelli che vivono o lavorano nelle zone regionali a basse emissioni.

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

La rumba delle nomine risuona in Campidoglio

Il Comune vuole allargare il cda di Atac. In ballo anche il ruolo di dg di Ama

L'ultima idea, secondo tanti l'ultima "trovata" del Comune di Roma, è allargare il consiglio di amministrazione di Atac. Non tre ma cinque rappresentanti. In realtà non si tratta di una notizia d... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue