info

directions_carattach_fileNasce in Calofornia Freedom, la supercar a batterie

La produce Elation che punta a diventare il produttore americano di riferimento nella categoria

Bastava solo aspettare ma era nell'aria che prima o poi qualcuno si sarebbe impegnato a dare filo da torcere a Elon Musk e alla sua Tesla. Nella fattispecie si tratta della californiana Elation, con sede nella Silicon Valley, che ha annunciato lo sviluppo di una hypercar a batterie grazie alla quale punta a diventare il produttore americano di riferimento nella categoria. Di fato, un podio che conquisterebbe scansando non solo costruttori come Hennessey Performance Engineering o Czinger, ma anche Tesla, casomai l’azienda di Elon Musk fosse intenzionata a sorprendere in futuro con un modello ad alte prestazioni.

L’auto in questione si chiama Freedom e offrirà diversi livelli di configurazione per soddisfare tutte le esigenze. Quella base prevede tre motori per una potenza complessiva di 1.040 kW (1.414 Cv). Mentre la variante più spinta sarà equipaggiata con quattro unità da 1.400 kW totali (1.903 Cv) che le permetteranno di toccare i 100 km/h in meno di 2 secondi e di raggiungere una velocità di punta di 420 km/h. Per gestire le prestazioni da primato la Elation Freedom potrà contare su una trasmissione a due velocità, sistemata sull'asse posteriore replicando uno schema simile a quello della Porsche Taycan, e su un’architettura meccanica da Formula 1: con una struttura monoscocca in fibra di carbonio ultrà leggera posata su delle sospensioni push rod e vestita da una carrozzeria con un coefficiente di resistenza aerodinamico pari a 0,28.

Ad alimentare la vettura sarà una batteria a forma di T, che avrà anche una funzione portante sul telaio, con una capacità di 100 o 120 kW/h per un’autonomia fino a 600 km, associata a una elettronica di bordo della BorgWarner: azienda specializzata nei sistemi di recupero energetico per la Formula E. Secondo i piani della Elation, la Freedom verrà prodotta a partire dal 2022 in 25 esemplari l’anno, venduti con listino base di 2 milioni di dollari (circa 1,7 milioni di euro al cambio attuale). Un prezzo che metterà la vettura in diretta competizione anche con i modelli sportivi a zero emissioni più elitari: come la Lotus Evija, la Pininfarina Battista e la Rimac C_Two.

photoPhotos