info

cancel

directions_carNissan riceve prestito da 2 miliardi di dollari per vendere negli Usa

Il mercato viene considerato strategico

Japan Bank of International Cooperation, agenzia statale giapponese per il credito all’esportazione, ha accordato un prestito da 2 miliardi di dollari alla casa automobilistica Nissan per finanziare in maniera adeguata le vendite di vetture con questo brand negli Stati Uniti. Si tratta della parte più consistente di un contratto che dovrebbe aiutare l’azienda di Yokohama a competere al meglio in un mercato non certo semplice come quello a stelle e strisce. La somma da versare dovrebbe dunque salire oltre i 4 miliardi di dollari, da versare nelle casse di una delle divisioni della compagnia, vale a dire Nissan Motor Acceptance Corporation. Gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato automobilistico più grande del mondo dopo quello cinese: non è comunque la prima volta che Jbic viene in “soccorso” del comparto per le strategie industriali da attuare all’estero.

Entrando maggiormente nel dettaglio, a ottobre sono stati 78 i milioni di dollari a supporto di Hond Motor per le vendite di auto in Brasile, mentre un mese prima era stata la volta di Toyota e del mercato sudafricano. Come riferito da un portavoce dell’istituto di credito, gli standard del prestito applicati in questo caso sono stati gli stessi che si riferiscono alle banche private. Nissan si sta attualmente concentrando su una serie di aree geografiche chiave per i propri business, dato che la gestione dell’ex presidente Ghosn è stata improntata a una espansione rapida in mercati esplorati poco o con scarso successo in passato. Di idillio non si può invece parlare in riferimento al Regno Unito, alla luce dei risarcimenti che la stessa casa giapponese e Toyota sono pronte a chiedere a Londra senza accordo sulla Brexit.