info

cancel

directions_cartrainflightAeroporto di Bologna riceve riconoscimento per miglior progetto integrazione modale

Premiata realizzazione abbonamento integrato per dipendenti comunità aeroportuale

Ferrovie dello Stato Italiane

L’aeroporto "Guglielmo Marconi" di Bologna si è aggiudicata l’IoMobility Award 2020, il premio ideato ed organizzato da Innovability per promuovere la cultura dell’innovazione, della sostenibilità e dell’imprenditorialità nella mobilità in Italia. L’obiettivo del premio, che è stato consegnato virtualmente durante una cerimonia on-line, è quello di innescare e sostenere un processo virtuoso di condivisione delle esperienze migliori tra imprese, fornitori, start-up, centri di ricerca ed istituzioni, sviluppare nuovi prodotti e servizi per i clienti e migliorare la qualità di quelli esistenti.

Il "Marconi", che concorreva con altre 60 aziende italiane, di cui 23 start-up, ha conquistato il gradino più alto del podio nella sezione "Integrazione modale" grazie alla sperimentazione di un progetto di "MaaS – Mobility as a Service" per i dipendenti della comunità aeroportuale (circa 3500 persone). In pratica, grazie alla collaborazione con gli enti di gestione dei servizi di trasporto Tper, Marconi Express ed Srm e con il coinvolgimento del Comune di Bologna, della Città metropolitana di Bologna e della Regione Emilia-Romagna, lo scalo "Marconi" ha ottenuto la realizzazione di un abbonamento integrato che consente ai lavoratori dell’aeroporto di utilizzare alternativamente o in maniera combinata, a costi contenuti, diversi mezzi e servizi di trasporto negli spostamenti casa-lavoro: autobus (urbani ed extraurbani), treni metropolitani, People Mover e car-sharing elettrico.

L’abbonamento creato per la comunità aeroportuale comprende tutti gli autobus nella provincia di Bologna, il servizio di monorotaia sopraelevata "People Mover - Marconi Express" che dal 18 novembre collega la stazione ferroviaria Alta Velocità direttamente all’aeroporto in soli sette minuti, i treni del Servizio ferroviario metropolitano compresi tra le stazioni di Vignola (Modena), Portomaggiore (Ferrara), Casalecchio di Reno, San Lazzaro di Savena, Corticella e Rastignano (tutte in provincia di Bologna) ed inoltre, per rispondere alle esigenze del personale turnista che lavora anche di notte, un pacchetto di minuti del car-sharing elettrico “Corrente”, che consente di utilizzare l’auto elettrica su tutto il territorio comunale in maniera free floating.

Lo scalo è tra i primi aeroporti italiani ad offrire una iniziativa di "MaaS" ai propri dipendenti. Il progetto è partito con una campagna di comunicazione denominata "Muoviamoci", finalizzata a creare consapevolezza nella comunità aeroportuale sugli obiettivi di mobilità sostenibile. È stato quindi creato un questionario ad hoc per l’ascolto delle esigenze e delle problematiche della comunità, per capire quali potessero essere i driver più efficaci per il cambiamento. Infine, è iniziato il dialogo con i diversi stakeholder, che ha permesso la creazione di una iniziativa unica nel panorama italiano. L’intento dell'aeroporto di Bologna è quello di incoraggiare i dipendenti ad utilizzare le diverse modalità di trasporto disponibili al fine di ridurre la congestione e l'impatto inquinante sull'area.