Press
Agency

Partita da Odessa la prima nave carica di grano

Lo sblocco dei porti riapre al commercio dei cereali ucraini: 16 mercantili pronti a salpare dai 3 scali

Partita oggi dal porto ucraino di Odessa la prima nave carica di grano. Il mercantile, battente bandiera della Sierra Leone, questa mattina ha lasciato la banchina con il suo prezioso carico di cereali che trasporterà in Libano. La svolta è avvenuta dopo diversi giorni di attesa, come raccontato da Mobilità.news (Grano ucraino: prima nave pronta a salpare), in conformità con i termini dell'accordo internazionale firmato a Istanbul. 

L'annuncio è stato dato dal ministero della difesa turco, Hulusi Akar: "La nave Razoni è partita dal porto di Odessa diretta al porto di Tripoli in Libano. È attesa per il 2 agosto a Istanbul. Proseguirà il suo viaggio verso la sua destinazione dopo le ispezioni che saranno effettuate a Istanbul". Parole rilanciate dell'agenzia di stampa russa "Tass" e dall'ufficio turco dell'emittente televisiva statunitense "Cnn".

Esprime soddisfazione il ministro delle infrastrutture ucraino, Oleksandr Kubrakov: "L'Ucraina, insieme ai nostri partner, ha fatto un altro passo oggi nella prevenzione della fame nel mondo". Kiev ha fatto di "tutto" per ripristinare i porti. La Turchia annuncia che c'è una carovana composta da 16 navi pronte a salpare dai 3 porti ucraini di Odessa, Chornomorsk e Pivdenny. 

A bordo della nave Razoni ci sono 26.000 tonnellate di mais. Questo primo carico è il frutto dell'accordo siglato il 22 luglio a Istanbul tra Ankara, Kiev, Mosca e Organizzazione mondiale delle Nazioni Unite, per sbloccare l'esportazione di grano dall'Ucraina ed evitare un'emergenza alimentare mondiale. La revoca del blocco dà ossigeno all'economia ucraina: 1 miliardo di dollari calcola il quotidiano britannico "Guardian".

Collegate

Guerra Ucraina: ancora missili su Odessa

Domani potrebbe partire la prima nave carica di grano dal porto di Chornomorsk

Sull'intesa sull'export del grano ucraino resta comunque un nodo da sciogliere: chi scorterà le navi cariche del cereale?

Accordo Ucraina-Russia sulle navi di grano

Sbloccate circa 25 milioni di tonnellate di cereali ferme nei porti

L’intesa tra Ucraina e Russia per avviare i corridoi commerciali per l'esportazione di cereali è stata ufficializzata oggi a Istanbul. L'accordo tra i due Paesi in guerra, è stato mediato dal governo del... segue

Suggerite

Mobilità.news augura a tutti Buon Ferragosto

L'agenzia resterà chiusa da domani e riaprirà lunedì 22

Mobilità.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che l'agenzia resterà chiusa da domani venerdì 12 agosto, in occasione della pausa estiva.L'agenzia riaprirà regolarmente con... segue

Federagenti: le guerre "Sconosciute" incombono su interscambio via mare

Le affermazioni del presidente Alessandro Santi

Odessa, Chornomorsk, Bab-El-Mandeb, Ashdod, Stretto di Taiwan, Kherson, Bosforo e Dardanelli, Suez. In un Occidente, in un’Europa ed in un’Italia cronicamente distratti, al punto che anche la “guerra in ca... segue

Adm. Porto di Ancona: bloccata importazione fontane di ghisa

I 350 articoli non recavano indicazione sede legale produttore

Nell’ambito dei controlli doganali all’importazione, i funzionari Adm (Agenzia dogane e monopoli) dell’Ufficio di Ancona hanno sottoposto a verifica, presso il porto dorico, 24 pallet contenenti fonta... segue