info

cancel

trainFerrovie svizzere sospendono collegamenti con Italia

La decisione diventerà ufficiale domani

Ferrovie dello Stato Italiane

Ancora 24 ore e poi una contestata decisione ferroviaria entrerà nel vivo: a partire da domani, giovedì 10 dicembre 2020, sarà effettivo il blocco imposto dalle ferrovie svizzere a qualsiasi varco del confine italiano. La sospensione dei collegamenti tra le due Nazioni sta per diventare effettiva, un provvedimento che si è reso necessario in seguito all’ultimo DPCM approvato dal nostro premier Giuseppe Conte. L’obiettivo è quello di limitare il più possibile gli spostamenti verso l’Italia in occasione delle imminenti festività natalizie, con una serie di misure che sono state stabilite per scongiurare nuovi e pericolosi contagi. Una delle previsioni sanitarie per chi viaggia con il treno è quella della misurazione della febbre nel caso in cui si salga a bordo di un convoglio ferroviario diretto nel nostro Paese. Tra l’altro, le ferrovie elvetiche hanno voluto sopprimere ogni collegamento assicurato dagli Eurocity in transito lungo l’asse che attraversa il Sempione.

Una eccezione, invece, dovrebbe essere fatta per il traffico regionale che ha a che fare con la linea Domodossola-Briga, una precisazione che fa intuire come i treni in cui viaggiano i frontalieri potrebbero essere salvi. In questo caso, infatti, l’intero servizio è gestito da una compagnia privata, Bls. “Svizzera e Italia collaborino nelle misure anti covid. In queste ore già al lavoro per evitare che venga interrotto il servizio ferroviario per i frontalieri”. Sono queste le parole pronunciate da Alessandro Alfieri, senatore del Partito Democratico che ha commentato appunto il blocco ferroviario con la confederazione svizzera. Alfieri ha assicurato di essere al lavoro con tutte le autorità coinvolte per chiedere di collaborare con l’Italia nei controlli disposti con l’ultimo DPCM, per evitare così comportamenti difformi lungo i confini.