info

cancel

directions_carMobilità elettrica: Volkswagen apre centro in Cina

Si occuperà di ricerca e sviluppo

La Cina è sempre più vicina, per lo meno per il Gruppo automobilistico Volkswagen. La celebre casa tedesca ha infatti inaugurato nel corso della giornata di ieri, martedì 8 dicembre 2020, un nuovo centro dedicato alla ricerca e allo sviluppo nell’ex impero celeste. La location scelta per l’occasione è sta Hefei, città di circa 4,4 milioni di abitanti che si trova nella zona orientale del Paese. La struttura verrà sfruttata per dare maggiore impulso allo sviluppo della mobilità elettrica in questa parte del mondo, un traguardo ambizioso e che dovrà essere raggiunto con una organizzazione ben precisa dei vari lavori. In particolare, i reparti industriali dovranno essere integrati, andando a interagire con i test delle auto e il comparto qualità, senza dimenticare la fondamentale industrializzazione dei prodotti.

Come ha sottolineato Stephan Wolleinstein, amministratore delegato della divisione cinese di Volkswagen, la Nazione asiatica rappresenta un mercato a dir poco strategico, con una potenza innovativa per quel che riguarda l’industria automobilistica che non può essere certo sottovalutata. Per tutte queste ragioni, la presenza deve essere rafforzata, puntando a una ricerca e sviluppo come ce ne sono state poche finora. Poiché Volkswagen ha aumentato la sua partecipazione in JAC Volkswagen fino al 75%, la joint-venture JAC Volkswagen è stata ribattezzata Volkswagen (Anhui) Automotive Company Limited nel corso di questo mese. La seconda fase relativa all’espansione del brand teutonico in questo Paese comincerà proprio nel 2021 con tanto di aggiornamento delle infrastrutture e della linea di produzione, come confermato anche dallo stesso Wollenstein. La capacità produttiva annuale di vetture sarà pari a 350 mila unità, mentre il primo modello in assoluto dovrebbe uscire intorno al 2023.