Press
Agency

Ups sigla accordo con meccanici aeronautici

Intesa per 1700 lavoratori prevede aumenti salariali e dei contributi

La società americana di spedizioni internazionali United Parcel Service (Ups) ha raggiunto un accordo con il sindacato Teamsters Local 2727 per un'estensione di tre anni del contratto di lavoro dei meccanici aeronautici. L'intesa prevede aumenti salariali annui pari al +3,3% e miglioramenti ed un incremento dei contributi pensionistici. I punti dell'accordo saranno soggetti alla ratifica di circa 1700 lavoratori. 

"I tecnici della manutenzione degli aeromobili sono fondamentali per aiutare Ups a fornire ciò che conta. I clienti dipendono da aeromobili sicuri ed affidabili per connettere clienti e comunità in tutto il mondo. Siamo lieti di aver raggiunto un accordo che continua a premiare i membri del team di manutenzione, assicurandoci al contempo di essere in grado di fornire un servizio eccezionale ai nostri clienti di Air Express", commentano da Ups. 

L'accordo tra Ups ed il sindacato è stato raggiunto dopo circa otto mesi di trattative. L'intesa prenderà forma nell'attuale contratto che dura fino al primo novembre 2023 e che prevede una possibile estensione fino al primo novembre 2026. A godere di tali benefici sono circa 1700 tecnici di manutenzione ed altri dipendenti che lavorano sugli aerei dell'azienda, con contratti specifici, regolati dal diritto del lavoro ma diversi dagli altri lavoratori Ups.

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Provincia Varese sperimenta più sicurezza su autobus, treni e nelle stazioni

Stretto oggi l'accordo fra Regione Lombardia, Prefettura e Polizia locale

Agenti circoleranno oltre che sui treni anche a bordo degli autobus, dove sempre più frequentemente si registrano episodi di microcriminalità a danno di passeggeri e personale viaggiante

Da domani stop alle mascherine sui mezzi pubblici

Decade dal primo ottobre l’obbligo su treni, metro e bus

In mancanza di un’ulteriore proroga del Governo, i dispositivi FFP2 non dovranno essere esibiti su mezzi pubblici, treni (regionale, intercity ed alta velocità), autobus e metro. Dopo due anni pertanto, te... segue