Press
Agency

Volkswagen stima carenze alla produzione nel 2023

Prospettiva in caso di mancanza di gas, alti prezzi energia, instabilità approvvigionamento

Un manager del Gruppo automobilistico tedesco Volkswagen ha comunicato in queste ore che il costruttore dovrebbe essere in grado di mantenere stabile il livello della produzione nei prossimi 5-6 mesi. Questo a condizione che la Germania continui ad aumentare il volume delle riserve di gas, anche se l'aumento dei prezzi dell'energia e l'instabilità delle reti di approvvigionamento rappresentano un rischio per la produzione globale. 

La maggior parte dei componenti delle automobili prodotte in Europa saranno utilizzati negli stabilimenti del Vecchio continente. Un solo pezzo mancante può fermare la produzione, come dimostrano le ricadute della carenza di semiconduttori degli ultimi anni. Anche i fornitori di aziende altamente energivore come vetro e prodotti chimici non saranno in grado di sostenere a lungo gli aumenti dei prezzi del gas e dell'elettricità.

Se le consegne di gas alla Germania dalla Russia attraverso il gasdotto Nord Stream 1 non riprenderanno, la casa automobilistica prevede carenze energetiche a partire da giugno 2023. Perciò, con il brusco calo delle forniture di gas russo, la Germania si sta affrettando a garantire forniture energetiche da altre parti. Le scorte in Germania sono vicine al 90%, ma come sarà la situazione dopo l'inverno non è chiaro.

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Provincia Varese sperimenta più sicurezza su autobus, treni e nelle stazioni

Stretto oggi l'accordo fra Regione Lombardia, Prefettura e Polizia locale

Agenti circoleranno oltre che sui treni anche a bordo degli autobus, dove sempre più frequentemente si registrano episodi di microcriminalità a danno di passeggeri e personale viaggiante

Da domani stop alle mascherine sui mezzi pubblici

Decade dal primo ottobre l’obbligo su treni, metro e bus

In mancanza di un’ulteriore proroga del Governo, i dispositivi FFP2 non dovranno essere esibiti su mezzi pubblici, treni (regionale, intercity ed alta velocità), autobus e metro. Dopo due anni pertanto, te... segue