info

cancel

directions_cartrainTrasporto locale: l'interesse crescente di Deutsche Bahn per l'Italia

Friuli, Roma, Napoli e Mestre tra le "mete" prescelte

Ferrovie dello Stato Italiane

Il rosso, il nero e il giallo della bandiera tedesca stanno per colorare il trasporto locale del nostro Paese. Deutsche Bahn, società ferroviaria teutonica creata nel 1994 dalla fusione delle ferrovie statali Deutsche Bundesbahn e Deutsche Reichsbahn, ha messo gli occhi sull’Italia tramite la propria controllata nel Belpaese. Da gennaio 2021, infatti, ci sarà una società nuova di zecca con una flotta pari a 1350 autobus e l’impiego di 1500 dipendenti, come si è appreso nel corso della giornata odierna, giovedì 10 dicembre 2020. Gli investimenti che sono stati messi in programma ammonta a 50 milioni di Euro complessivi. Inoltre, potrebbero essere addirittura il doppio (per la precisione 123 milioni) in modo da perfezionare l’acquisto di 550 mezzi nel corso del prossimo triennio. L’obiettivo sarà quello di mettere in primo piano il trasporto “green”, in particolare gli autobus elettrici sembrano destinati ad avere la precedenza. “Arriva Italia”, il nome della controllata da Deutsche Bahn, ha partecipazioni in trasporti locali del nord, come ad esempio quelli di Udine e Trieste, senza dimenticare l’interesse nei confronti della zona di Mestre e una strizzata d’occhio alle aziende presenti a Roma. Come se non bastasse, la controllata vuole trovare spazio persino a Napoli. Il fatturato annuo di questa compagnia è di tutto rispetto; si sta parlando di più di 5 miliardi di Euro annui e non mancano le voci di una possibile quotazione in Borsa il prossimo anno, mentre l’alternativa è quella della vendita a un investitore di nazionalità straniera.