info

cancel

directions_carMercedes riesce a superare Peugeot in Francia

La "classifica" delle auto plug-in vendute

Nel film del 1962 "Il sorpasso" di Dino Risi, una macchina era assoluta protagonista della pellicola: a distanza di quasi sei decenni, sono due i brand automobilistici che hanno dato vita a un confronto molto particolare e per qualche verso inatteso. Peugeot non è più la regina delle case in Francia per quel che riguarda le vendite dei veicoli plug-in: il sorpasso ha consentito a Mercedes di conquistare questo ambito scettro in territorio transalpino. Tutto merito di novembre, un mese in cui il marchio tedesco è stato protagonista di quasi 2 mila immatricolazioni complessive. Nei primi undici mesi del 2020 c’è stato questo appassionante “inseguimento”. La società di Stoccarda, infatti, ha aumentato in modo importante i propri volumi in questo anno così difficile, arrivando a quota 8450 vetture nuove: Peugeot, invece, si è fermata a 8258 plug-in, una differenza minima ma che è comunque piuttosto significativa.

Il resto della classifica è completato da Volvo (oltre 6 mila macchine per la precisione), Bmw (poco più di 5 mila) e Renault (4613), tutte aziende molto staccate rispetto ai primi due ambiti posti. A dire il vero, il sorpasso è avvenuto soltanto per quel che concerne le vendite generali, senza prestare attenzione ai vari modelli. Se, al contrario, si guarda a ogni singola vettura, si scopre che Peugeot ha ancora un buon margine di distanza rispetto a tutte le altre: la 3008 della casa francese è rimasta il veicolo ibrido plug-in dalla maggiore popolarità in assoluto di tutta la Francia. Ne sono state vendute 5600 da gennaio a novembre scorsi, con la Renault Captur a occupare la seconda posizione con i circa 4 mila esemplari. Mercedes può contare soprattutto sulla varietà dei modelli elettrificati, a partire dalla berlina e fino ad arrivare alla monovolume e al Suv per le dimensioni ancora più grandi e che accontentano qualsiasi cliente.