info

cancel

trainQuando finirà la vergogna della Napoli-Benevento?

Ciampi, M5S "Nel 1930 occorreva un'ora per percorrere la distanza, oggi ce ne vogliono due"

Ferrovie dello Stato Italiane

Il consigliere regionale del M5S, Vincenzo Ciampi, chiede chiarezza sulle opere di riqualificazione della Napoli-Benevento, "una metropolitana di superficie che raggiunge il capoluogo di regione dalle aree interne, non collegate da autostrada". Ciampi premette che la linea ferroviaria è "da anni in attesa di ammodernamento e messa in sicurezza, nono- stante milioni di euro stanziati".

"Ho depositato una mia interrogazione sulla ferrovia Napoli-Benevento via Cancello in relazione alle criticità della linea ferroviaria -spiega Ciampi - Si tratta di una questione aperta da anni e che penalizza decine di Comuni tra Irpinia Sannio e Casertano. Migliaia di persone vivono il disagio dei pendolari, gli stessi al cui fianco con il Comitato disagiati di Valle Caudina intendo proseguire questa battaglia: viaggiano in carrozze insicure con tempi di percorrenza raddoppiati rispetto a quelli del secolo scorso".

Ci voleva un'ora di treno, nel 1930 per coprire la distanza Benevento-Napoli: adesso, sostiene Ciampi, ce ne vogliono due. "Le stazioni sono poco illuminate non collegate alle stazioni di partenza e di arrivo da moderni mezzi di segnalazione: si usano ancora - prosegue Ciampi - fonogrammi da postazioni sulle banchine azionate dal capotreno che a ogni fermata scende del convoglio. Anche per questo ho chiesto nella mia interrogazione quali saranno i tempi per completare l'ammodernamento e la riqualificazione della linea, raggiungendo gli standard di sicurezza previsti dalla legge. Mai più ferrovie da Far West", conclude Ciampi.  

Quella della Napoli-Benevento è una storia che si trascina da anni. La cruda realtà la vuole "ferrovia di cartone", soprannome che forse deriva dal fatto che la scarsa qualità del carbone utilizzato anticamente per le locomotive produceva scorie infuocate che incendiavano gli imperiali (la parte sopra il tetto, dove si mettevano i bagagli) delle vetture come fossero di cartone, appunto. In realtà è una linea ferroviaria che nel 2013 ha compiuto cent'anni e che oggi serve migliaia di pendolari come una metropolitana di superficie che raggiunge il capoluogo delle aree interne non collegate da autostrade. Una linea, come ha messo in risalto il consigliere regionale Ciampi, "da anni in attesa di ammodernamento e messa in sicurezza nonostante i milioni di euro già stanziati".