Press
Agency

Meloni ad Algeri per negoziare sul gas

Il piano per far diventare l’Italia un centro nevralgico per il settore in Europa

Seconda giornata della visita ufficiale del presidente del Consiglio dei ministri italiano, Giorgia Meloni, in Algeria (22-23 gennaio). Oggi l'omaggio al Giardino Enrico Mattei, in onore del fondatore dell'Eni, poi l'incontro ufficiale con il presidente della Repubblica popolare, Abdelmadjid TebbouneTra gli obiettivi della missione c'è la sottoscrizione di accordi multipli nel settore energetico con il fine di aumentare il flusso di gas verso la Penisola.

"Nel Mediterraneo viaggia la stragrande maggioranza dei nostri interessi nazionali. Questo per noi è un territorio cruciale, ed il vostro lavoro è strategico per proteggere i nostri progetti", ha dichiarato Meloni, chiarendo la rilevanza geopolitica dell'Italia nel quadrante nord-africano. 

La visita in Algeria, infatti, va letta entro la cornice di un modello che la società petrolifera italiana Eni porta avanti con diversi Paesi in Africa, con un obiettivo chiaro: trasformare l'Italia in un hub del gas che funga da tramite tra gli Stati produttori (Egitto, Mozambico, Azerbajan, Libia) e l'Europa. Il presidente Tebboune ha dichiarato che nei prossimi anni Algeri può garantire fino a 35 miliardi di metri cubi di gas liquido (oggi siamo a 12 e fra due anni a 18) ed investimenti in infrastrutture. Il gasdotto Algeria-Sicilia potrebbe aumentare la portata, senza la posa di nuovi tubi sottomarini, ma usando anche i sette centri di rigassificazione della penisola.

Per raggiungere questo obiettivo, durante la visita sono stati siglati accordi multipli. Tra questi la compagnia petrolifera statale Sonatrach, tra le più importanti del continente africano. A sua volta l’Eni fornirà sostegno sull'energia sostenibile e sicura, accelerando al tempo stesso il percorso di decarbonizzazione. Su energie rinnovabili, idrogeno, cattura di CO2, bio-raffinazione, sono stati già siglati accordi con Algeri.

Meloni è stata accolta ieri all'aeroporto di Algeri dal primo ministro algerino, Aimen Benabderrahmane, e dall'ambasciatore d'Italia ad Algeri, Giovanni PugliesePresente anche l’amministratore delegato di Eni Claudio De Scalzi. Inoltre, ieri il presidente del Consiglio dei ministri ha salutato l'equipaggio della nave "Carabiniere" della Marina militare italiana, ormeggiata nel porto di Algeri. 

Collegate

Italia verso autonomia energetica

Descalzi (Eni): "Saranno azzerate forniture di gas russo all'Italia nell'inverno 2024-2025"

L’Alto rappresentante dell'Unione europea per la politica estera e di sicurezza, Josep Borrell, ha parlato oggi delle questione energetica in Ucraina in occasione della riunione odierna al consiglio d... segue

Suggerite

"Sbloccare i fondi sulle colonnine di ricarica"

Appello al Governo dalle associazioni di settore per favorire transizione ad auto elettrica

Se si vuole promuovere l'auto elettrica in Italia occorre anzitutto potenziare le infrastrutture di ricarica, sia quelle pubbliche che quelle private. È risaputo. Ma sul fronte dei caricatori domestici... segue

Anniversario Cermis (2). Dichiarazione Mattarella nel 25esimo della tragedia

"Quanto è accaduto non sarebbe mai dovuto accadere" afferma il capo dello Stato

Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha dichiarato in una nota che: "La tragedia del Cermis, venticinque anni fa, lasciò sgomenta l’intera comunità nazionale.Venti persone, la mag... segue

Strage Cermis: celebrato 25esimo anniversario

Era il 1998 quando un aereo militare americano tranciò un cavo della funivia provocando 20 vittime

Sono passati 25 anni, ma è un ricordo inciso nei cuori di tutti gli italiani. Ricordata oggi 3 febbraio la strage del Cermis. Una ferita ancora aperta per la comunità trentina di Cavalese, che però in... segue